Accessibilità testi della PA

Un saluto a tutti.

Anch'io, da un paio di mesi, sono coinvolta nel restyling di un sito di
PA: e volevo indicare a Nicola che in realtà esistono delle precise
indicazioni per l'utilizzo (non in particolare nei siti, ma in tutti i
documenti della PA) del "plain language". Per l'esattezza, si tratta di
una direttiva sulla "semplificazione del linguaggio dei testi
amministrativi" del Dipartimento della Funzione Pubblica (8 maggio 2002):
la trovi a questo indirizzo
http://www.funzionepubblica.go v.it/chiaro/direttiva.pdf . La direttiva
contiene anche le regole base di scrittura del testo, corredate da un
esempio http://www.funzionepubblica.go v.it/chiaro/allegato.pdf

Ci sono anche altri possibili riferimenti: il "Codice di stile delle
comunicazioni scritte ad uso delle pubbliche amministrazioni" (Istituto
poligrafico e zecca dello Stato, 1993) e il "Manuale di stile" (Il Mulino,
1997), entrambi editi dal Dipartimento.

Molto interessante, sul tema del plain language, anche una piccola
pubblicazione di Daniele Fortis ("Il plain language. Quando le istituzioni
si fanno capire") che trovi sul sito Mestiere di Scrivere
http://www.mestierediscrivere. com/testi/quaderni.htm.

Chiara Ferrigno

Pretesti - www.pretesti.it
Appunti su tecnologie, società, comunicazione creativa