ADSL più veloce, ma per far che?

Nel finto mercato della finta concorrenza italiana, Telecom Italia, che ha
il ferreo monopolio nazionale dell'adsl, sta raddopiando insieme ai suoi
rivenditori, detti anche pompostamente "gestori alternativi" (sic!) la
velocità dei collegamenti adsl. Questa è la seconda volta che accade: già
l'anno scorso c'era stato un altro raddoppio senza variazioni di prezzo.

Una domanda sorge a questo punto spontanea: ma quanto costa veramente "la
banda"? Il quadruplo della velocità allo
stesso prezzo, significa che prima strapagavamo quello che
ci davano, ovvero i prezzi sono gonfiatissimi (vedi gli sms, che per i
gestori hanno costo quasi zero)

Ma un'altra novità inquietante si profila all'orizzonte: si spinge la rete
verso un sistema monodirezionale, come la televisione: aumenta
progressivamente il download ma non l'upload! Cioè possiamo scaricare
loghi e suonerie e tutto spiano e altri pseudo-servizi, ma non possiamo
fornire NOI utenti nuovi contenuti a casua della strozzatura dell'upload.

E' anche un bel sistema per strangolare il file sharing, scarichi e basta,
come in televisione, dove devi vedere l'immondizia che decidono LORO.

La produzione di contenuti multimediali autonomi, pensiamo solo a radio o
tv on line, sono di fatto impediti perché andrebbero a erodere il regime
radio-televisivo imperante.

Che ne pensate?