Ancora Giorgio Armani

Buongiorno a tutta la lista di Mlist.

Voglio intervenire sul contributo fornito da Alessandro Grazioli a
proposito del presunto valore aggiunto associato da un amico della lista
ad una produzione di cui il sito di Armani può costituire un riferimento.

Desidero sottolineare che ritorno sull'argomento perché sollecitato non
tanto dal sito o dalla sua tipologia o dalla strategia messa in atto.

Il semplice atto deduttivo di copy analisys che ciascuno di noi -
operatori del settore - può effettuare con la sola osservazione del sito
non può diventare a mio giudizio l'occasione per un dibattito di sapore
morale sulla correttezza o meno del "fare web".

Se vogliamo fare un discorso più attendibile alla nostra causa tra i
risultati percepiti e la strategia comunicativa predisposta dalla
compagnia Giorgio Armani, sarebbe corretto richiedere quest'ultima alla
maison.

L'aspetto che invece attira la mia attenzione sul contributo di Grazioli é
la immarcescibile contrapposizione tra due culture, quella tecnologica e
quella della nuova editoria, che in Italia attira a sé il mercato con il
netto dominio della prima.

Io sono stato da dieci anni a questa parte assieme ad altri colleghi di
formazione umanistica al centro di questa sorta di "guerra dei mondi".

Tecnologia é certezza, sicurezza, la rivincita degli ingegneri sui
filosofi, della produzione di fabbrica di retaggio metalmeccanico sulla
riflessione programmatica della pianificazioni strategiche di mercato.

Sono le regole scritte nelle bibbie del know-how imposto dagli altri
(americani soprattutto) e accettate incondizionatamente dal resto del
mondo che fanno la differenza quando per fare girare le economie aziendali
e le quotazioni di borsa del settore internet ai clienti bisogna vendere
PRODOTTI tecnologicamente affidabili ma soprattutto concreti!!!

A cosa devo questa mia polemica? Presto detto:

Grazioli dice:

Perche'? Perche' non rispetta assolutamente nessuno dei canoni con cui
dovrebbe essere pensato un sito web. Al limite e' strutturato come una
cd-card di presentazione.

Panico !!! Ma anche grande speranza.
Perché non li enunci pubblicamente questi canoni?
Tutta la lista si confronta quotidianamente sul fare internet con tutti i
dubbi che ne conseguono e tu conosci TUTTE le regole per fare Il sito?
Rimango basìto per il tempo che ho perduto.

A) Manca una versione HTML. Penso che armani abbia i soldi per
permettersela. Non esiste una grande azienda al mondo che
abbia solo il
sito in flash.

Mina, scusa l'impresa editoriale "MINAMAZZINI", ha il sito SOLO in Flash e
anche se non conosco direttamente la sua dichiarazione dei redditi,
suppongo che l'esclusione della soluzione statica html non sia stato il
risultato di una banale distrazione o di una "manina corta".
Un progetto di quella portata informativa può essere l'ulteriore
dimostrazione che la piattaforma Flash opportunamente veicolata da un team
compòsito e ben armonizzato non tiene conto di facili categorie di
utilizzo.

B) Flash non è fatto per fare siti. Se io mi voglio salvare un'immagine?
se voglio fare una ricerca sul sito? Dove sono le news, gli avvenimenti,
le notizie delle sfilate, insomma, tutto cio' che vorrei trovare in un
sito di Armani? Flash e' fatto per fare presentazioni, oppure per far
divertire gli smanettoni. Date un'occhiata al sito I.net : sito html,
elegante, si distingue dal resto, ha la possibilita' di vedere una
presentazione in flash. Offrire sempre alternative.

Sulla prima affermazione "Ipse dixit". Bah...

Passiamo al resto, saltando la pippa su ciò che UN sito ben fatto dovrebbe
avere e non ha.

Si vede che ad Armani o al suo staff adesso non interessava adottare
questa strategia. Non é più facile vederla così?

Insomma Flash non ti piace perché sovverte le regole di analisi del buon
sito adottate alla Impression?

A volte se ne abusa, sono d'accordo, ma di qua a stigmatizzarlo con i
risultati mondiali registrati in termini statistici di utilizzo. Vai sul
sito della Macromedia e osserva i dati. Tutti idioti nel mondo?

I.Net é una produzione che risulta altrettanto efficace pur adottando una
piattaforma diversa da Flash.

C) Per quale strazio di motivo il sito mi si apre in una
seconda finestra?
non vedo alcun motivo se non quello di eliminare i comandi
del browser.
L'utente medio ODIA questo.

Quindi sei in possesso del profilo dell'utente medio. Ce lo metti a
disposizione per piacere assieme a tutte le regole del Buon Sito?

D) Con una linea ISDN (quindi superiore alla media) il sito
ha tempi di
caricamento abissali, e ogni parte del sito richiede un nuovo
caricamento,
per non offrire pressoche' nulla. Jackob Nielsen valuta che il tempo
massimo di attesa accettato da un utente e' 10 secondi.
Questo sito ce ne
mette almeno 30 per parte.

Le tue linee non devono funzionare un granché perché io l'ho consultato
sia in ufficio dove viaggiamo con una LAN a 128 Kb (trend esagerato in
eccesso) che a casa mia dove mi connetto in analogico con un modem a 56 Kb.

E ti assicuro che i tempi di caricamento alle 20:30/21:00 cioé nel prime
time per internet sono stati eccellenti.
Tutto rientrava nei parametri di Nielsen

E) Ok, avete usato Flash... Allora perche' tutte queste
immagini raster?
Flash e' un programma vettoriale, e non si deve utilizzare per animare
immagini bitmap, pena una lentezza esasperante dell'animazione.

Idem come sopra e anche Mina le adopera, con grande successo.

Mmmm mi sa che ci sono molte altre cosa da dire, ma vorrei
lasciarvi con
una riflessione: mettiamo anche che questo sito venga
promosso in lungo e
largo... ache pro? Non ha assolutamente contenuti da offrire,
e quei pochi
che offre sono inaccessibili alla maggioranza... (plug-in, tempi di
caricamento.... etc).
Bisogna curare il marketing, ma prima bisogna avere qualcosa
da offrire.

No comment. Ma un consiglio: un pò più di umiltà non guasterebbe anche a
nome della crescita comune che i partecipanti alla lista si aspettano.
Ciao Alessandro e buon lavoro.

ooooooooooooooooooooo
Mauro Boccuni
content manager
Olivetti Getronics/cct intranet/internet
via Campi Flegrei, 34
80078 - Pozzuoli - Na Italia
tel: (+39) +81 8533469
fax: (+39) +81 8533799
web site: www.getronics.com