C'é qualcuno là fuori !!!

Caro, carissimo Gianmario, é con grande interesse e un pizzico di
"commozione" (fazzoletti per tutti, prego!) che ho letto il tuo intervento
sulla lista.
Scherzi a parte, la ragione del mio sfogo virtuale é dettato da una
stanchezza emotiva a cui sono soggetti, mi auguro, molti di coloro che,
operando come il sottoscritto professionalmente per internet, avrebbero
tanti motivi per non consultare - da utenti - neanche una delle proposte
offerte al mercato.

Boooooooooooom!!! L'ho detto: salvo rari casi, rarissimi casi, ciò che noi
chiamiamo internet é un aborto produttivo di inadeguatezza tecnologica, ma
soprattutto EDITORIALE !!!
Io ho scritto parecchi interventi sul tema, nella precedente lista, ma non
ho mai avuto alcun tipo di riscontro in merito dagli altri partecipanti.
Per l'amor di Dio, non lo pretendevo, ma l'indifferenza totale sulla
problematica riproposta da te é assolutamente sintomatica.
L'ambiente del web in Italia non può sbilanciare l'evoluzione del suo
stato (stavo dicendo "offerta", ahi, ahi, questo marketing !!!) alla sola
soddisfazione del profitto degli sponsor in senso lato.
Sono dieci anni che mi occupo di progettazione di servizi editoriali per
la comunicazione interattiva e quasi sei che navigo su internet come
operatore ed utente.
L'offerta in termini qualitativi é asfittica, inconsistente, incompleta e
sovente vaga.
I siti che oggi costituiscono il mio parterre quotidiano di consultazione
e riferimento sono pugno di URL, ma veramente un pugno.
Il resto delle segnalazioni ricevute tramite mail o individuate tramite la
rete ipertestuale dei link/moroti di ricerca finisce nel 95% dei casi nel
dimenticatoio della inutilità.
O se proprio, per motivi di lavoro, non posso farne a meno li catalogo nei
preferiti. Ma so che li rimarranno.
Veniamo da una cultura orientata al testo, alla straordinaria bellezza
della macchina libro che abbiamo e continuiamo a replicare dozzinalmente
sul web.
Annullandone l'efficacia.
Ne ho le scatole piene delle discussioni sulle strategie dei portoncini,
dei cancelli, degli ingressi posteriori, dei portoni dei portali dei
pedoni ! BASTAAAAAAAAAA
Io dico: nessuna azienda editrice si sognerebbe di affidare la
realizzazione di una guida turistica al responsabile delle rotative o al
compilatore del menabò!
Con il web a dettare legge - con tutto il massimo rispetto per le
magnifiche professionalità - sono i web designer o i programmatori di
html/java/flash, etc...
E infatti i risultati si vedono: sotto il vestito, spesso anche zoppicante
in termini di usabilità, NON C'E' NIENTE. ASSOLUTAMENTE NIENTE.
Forse dipende dal fatto che non sono un teenager (lambisco i quaranta) e
che il web titilla solo i giovani, ma quando varco la soglia delle
proposte americane lì sì che dico: "voilà la comunication!"
La mia non é una questione di esterofilia - non é tutto oro quello che
luccica in USA - ma il loro DNA sociale ispira una produzione coerente
alla natura del mezzo: comunità, scambio in real-time, unità virtuale
nella condivisione delle etnie geografiche.
Internet inoltre é un LUOGO che da mezzo ha orientato una prassi sociale
di interazione assolutamente inedita. Resistergli non si può.
Quindi impariamo a fare editoria per il web.
Magari provando ad essere un pò meno generici e a concentrarci nei fatti.
Anche Michele Visciola nel suo testo sull'usabilità fa una interessante
disamina su cosa non va fatto. Ma non mi fornisce validi esempi di siti
riusciti.
Forse perché mancano del tutto? O anche lui non si vuole esporre?
Io mi esporrò per discuterne assieme.
A' la prochaine

ooooooooooooooooooooo
Dr. Mauro Boccuni
Olivetti Ricerca
via Campi Flegrei, 34
80078 - Pozzuoli - Na
Italia
ooooooooooooooooooooo
tel: (+39) +81 8533469
fax: (+39) +81 8533799
e-mail: Mauro.Boccuni@getronics.com
web site: www.getronics.com