Caso Tre e disservizi: non si trattera' di "demarketing premeditato"?

"Sfogliando" Mondo3 ho letto l'ultima marachella che H3G ha fatto ai suoi
clienti (quelli "top"), cioe' addebitare costi non dovuti per la
navigazione del loro portale.

A questo vorrei aggiungere i distacchi "coatti" ad alcune utenze, la
nascita del calling center a pagamento e alcune "rimodulazioni" abbastanza
poco convincenti (e poco convenienti).

Caso ha voluto che proprio questa settimana ho dato un esame su customer
lifetime value, customer loyalty e satisfaction (quanto inglese, sigh) e,
"teoria alla mano", mi sembra pressoche' impossibile che una
multinazionale come Tre faccia tutto questo per sbaglio.

Quindi mi chiedo:
possibile che si preferisca andare in tribunale, provocare danni per
disservizi e continuare a fare figure "indecenti" in tv, solo perche'
finalmente hanno raggiunto il "payback period" e possono contare su
clienti meno ricchi ma piu' numerosi?

Ma non si diceva una volta che conviene tenersi e fidelizzarsi un cliente,
piuttosto che sostituirlo con uno nuovo?

Alla fine il "Top3" e' un prodotto per chi parla molto al telefono, quindi
clienti ricchi e professionisti, che cambiano cel spesso (si usura di
piu') e che potrebbero essere target molto appetibili per campagne di
prodotti ad alta qualita'. Davvero gli conviene scaricarli alla
concorrenza in cambio di qualche coppietta che si videochiama a 5
centesimi al minuto? (come faccio io)

..O forse la stupidita' manageriale e' una prerogativa dei servizi "hi
tech"?