Da una catastrofe ad un'altra (yahoo)

Tanto per avere conferme che con la new economy occorre andarci cauti e se
una azienda o qualche finanziatore vuole proprio spendere soldi deve
analizzare bene cosa fare, probabilmente non deve avere fretta, non
confondere la rapidità delle decisioni imprenditoriali con la velocità di
esecuzione che è la filosofia di Internet.

Titolo: La Newsletter di SuperBusiness.net -
In questo numero: ''Il crollo di Yahoo!''
A cura di: Ufficio stampa Ulysse.net (ulysse.net)

''Quando Fabiola Arredondo poco tempo fa aveva annunciato che lasciava la
sua carica di managing director di Yahoo! Europe, pochi avevano davvero
creduto al back to family della sorridente manager, appena entrata nella
classifica tra le 10 donne piu' potenti del mondo. In realta' si apriva la
strada alle clamorose dimissioni di ieri di Tim Koogle da Ceo di Yahoo!,
all'indomani dei dati previsionali del primo quadrimestre: 170 milioni di
dollari di ricavi invece dei 220 milioni stimati.

La caduta dei corsi di Borsa, del 20% in un giorno, rispecchia la caduta
del fatturato atteso, e il titolo a 17 dollari e' un significativo punto
di svolta,non solo per la societa' ma per l'intera new.net economy di cui
Yahoo! e' certamente uno dei due/tre grandi interpreti.
Il nocciolo dell'evento e' che la raccolta pubblicitaria online, come
macrofenomeno, non regge le attese. Questo va visto da due punti di vista,
di chi cerca pubblicita', ma anche di chi investe in pubblicita'.''

A presto

Luciano Cavagnero
www.topmarketing.it
www.netjust.org