Dello straordinario e dei massimi sistemi

Mi rifiuto, però, di prendere in considerazione quelli che nei primi
dieci minuti mi chiedono:
- se c'è da far tardi
- se gli straordinari sono pagati
- quanto prenderanno

non so dove stai tu,
pero' a Benevento le pochissime aziende del settore IT
degne della parola (come dimensione) sfruttano sfruttano
e sfruttano. Non so come chiamare altrimenti se non con
"sfruttamento " scegliere continuamente persone con poca esperienza,
contratti co.co.co.;
essere donna e' una vera sfiga, perche' le donne si permettono
il lusso di voler avere dei figli, e pretendono pure che (coerentemente
con la legge vigente) il datore di lavoro
conservi loro il posto dopo mesi di inattivita' totale!!!!

riguardo allo straordinario, beh, nel lontano 98,
lavorai con una borsa lavoro, in quei mesi mi stavo laureando,
facevo spesso e volentieri
piu' ore di quanto me ne spettassero, perche'
fondamentalmente confidavo nel fatto che
il capo si accorgesse che quando c'e' da lavorare
non mi tiro indietro; mi offri' un contratto a tempo
indeterminato propinandomi il 3 livello metalmeccanico
ed una paga adeguata a tale livello
(dopo 7 mesi di lavoro, nei quali mi ero anche laureato)

va bene fare la gavetta pero' ho trovato indegno e ridicolo
accettare il 3 liv.; ho preferito essere consulente "free-lance",
mi ha dato piu' soddisfazioni.

inoltre, caro Francesco,
io vorrei sapere se ti sei mai trovato a dover decidere,
nell'impossibilita' di poter iniziare e portare a termine
due progetti contemporaneamente, quello che ti rendesse
di piu', nel breve e nel lungo periodo;

analogamente, non vedo per quale motivo ad un colloquio di lavoro
non dovrei chiedere quanto prendero';
ti sembra una variabile di poco conto nel decidere
se lasciare il proprio lavoro attuale?!?!?!?!