Re: Re: Diritti d'autore e siti web

Caro Paolo,

non ho esperienza diretta sulla proprietà delle "invenzioni" o dell'opera
dell'ingegno che il professionista x mette quando realizza un sito, ma ne
ho tanta sulle campagne pubblicitarie e sull'opera dell'ingegno in
comunicazione.

La regolamentazione sul diritto d'autore (italiana ed europea) parla
chiaro.

La proprietà rimane a chi ha creato l'opera, ma il diritto di sfruttamento
commerciale nei limiti fissati dalla legge è del committente. Questo
sempre che il committente abbia pagato il giusto prezzo per lo
sfruttamento che se ne fa. Ma qui entriamo nel diritto e nel caso
specifico sul quale io ovviamente non posso entrare. Finisco col dirti che
se tu fai una campagna pubblicitaria per il 2001 e vieni pagato secondo le
tariffe stabilite il tuo cliente ha diritto ad utilizzarla anche negli
anni a venire, e di fatto il lavoro è suo. T'immagini cosa accadrebbe se
il marchio del mulino bianco non fosse della Barilla?

Sarebbe bello che un'avvocato ci desse un suo parere.

Pier Danio Forni