Duplicato di un sito "su richiesta"

Un saluto ad Elena e a tutta la lista.

Mi e' capitato di dover realizzare per un cliente un "duplicato" del suo
sito Internet aziendale, destinato al mercato estero. Mi spiego meglio: il
primo sito era stato realizzato da una agenzia alla quale il cliente non
voleva piu' rivolgersi. Il cliente mi ha chiesto di mantenere il progetto
grafico che identifica in modo univoco la sua azienda e per questo motivo
il sito da me realizzato ha molte affinita' grafiche col sito originale.

Le variazioni all'aspetto grafico da me apportate nascevano solamente da
esigenze tecniche (eliminazionie dei frames, realizzazione di layout
usabile, predisposizione del contenuto testuale per consentire
l'indicizzazione, ecc.)

Dopo la pubblicazione del sito da me realizzato, l'agenzia realizzatrice
del primo ha rivendicato la paternita' del progetto grafico. Erano passati
quasi 2 anni. Anche se in teoria ogni responsabilita' ricade sul
committente (il mio cliente) io sono stato messo in guardia dall'agenzia
in merito ed eventuali "azioni legali" nei miei confronti, in quanto
gestore dello spazio WEB in cui le pagine erano state pubblicate. Non mi
risulta che l'agenzia avesse un contratto di esclusiva sulle
"pubblicazioni" (anzi, dopo averlo letto mi sono reso conto che si
trattava di un contratto "minestrone" in cui non si riuscivano a
discernere ne' le singole attivita' svolte, ne' il loro eventuale singolo
valore economico).

Mi chiedo - e chiedo a tutti - se e dove si possano trovare delle linee
guida per capire se in casi come questo esistono realmente i presupposti
per un'azione legale.

I due siti si assomigiano graficamente, ma almeno un
20% del layout e' completamente differente.

Tecnicamente invece sono
differenti al 100%. Non so se esista un codice che regolamenti casi come
questo, e piu' in generale le problematiche che possono nascere lavorando
nel WEB.

Grazie

Fabio Vigo per http://www.serviziinweb.it