E-Resellers: modello di business sostenibile?

Ciao a tutta la lista.

Faccio parte di un gruppo di professionisti che opera nel mercato dello
sviluppo di portali/applicazioni web (j2ee oriented). Le cose non vanno
malaccio, ma non si vive di solo pane.

Le difficoltà di acquisire "ingaggi" su progetti web sono note a tutti, ma
preponderante è il fattore diffidenza da parte dei potenziali clienti.

Ci è venuta un'idea che vi sottopongo subito. Per determinate tipologie di
aziende, (ossia quelle il cui business si presta bene ad essere
sviluppato/esteso online) ci proponiamo di attivare a nostro carico
l'attività di e-commerce (vendita online), in cambio di provvigioni sul
venduto. Dobbiamo essere bravi a vendere online.

In pratica: un'attività ed una remunerazione identica a quelle di un
autentico agente di commercio. Virtuale.

Rischio d'impresa: noi. Richio committente: zero.

Facciamo la doverosa ipotesi che le competenze ce le abbiamo già in casa,
e che le operazioni di post-vendita siano ovviamente a carico del cliente.

Mi interessano commenti e riflessioni sulla validità di questo modello di
business, che denominerei "e-reseller".
Ora sparate pure! (Spero che qualcuno faccia già questo mestiere ...)

Grazie a tutti e bentornati.

Sabino.