Efficacia pop-under [era: Popunder, l'altro advertising online]

Buongiorno a tutta la lista,

rispondo all'appello di Luca Spoldi (e Marco Deveglia) sui pop under:

«Se qualcuno ha dei numeri concreti a supporto della loro efficacia, sia
in termini assoluti sia rispetto ad altri mezzi, mi associo alla richiesta
di poterne venire a conoscenza per valutarne un eventuale utilizzo sui
siti da noi gestiti operativamente o per quanto riguarda la raccolta
pubblicitaria».

La concessionaria di pubblicità on-line per cui lavoro utilizza con
frequenza crescente i pop-under, e questo perchè, semplicemente, oltre che
costare meno all'investitore, rendono maggiormente non solo in termini di
click ma anche in termini di branding, in una parola: funzionano
(meraviglia!).

Veniamo alle cifre (le uniche a fare testo) relative ad alcune recenti
campagne:

  • campagna pubblicitaria acquistata da una società di trading-online su un
  • nostro sito finanziario; dopo due mesi dall'inizio della campagna il click
    rate è ancora vicino al 2,5%. Il dato è esaltato ancor più dal fatto che
    il sito in questione ha una clientela altamente fidelizzata, il che tende
    solitamente a far diminuire il tasso di click, piuttosto che innalzarlo.
    Inoltre il tasso medio di click su siti finanziari (per campagne di
    prodotti finanziari) è, a livello nazionale, circa dello 0,4-0,5%
    (ottenuto con banner 468*60);

  • la campagna per un casinò on line su www.migliorsito.com è in essere da
  • sei mesi su una trentina di siti del nostro network, e il click rate è
    ancora vicino al 4%;

  • qualche mese fa una breve campagna loghi e suonerie condotta su un sito
  • noto a livello nazionalel ha prodotto un tasso di click superiore al 4%.

    Stante questo click molto elevato (10 volte l'efficacia di una campagna
    "classica"), il payperclick su pop-under dovrebbe costare anche meno,
    perchè è meno difficile per la concessionaria raggiungere i click
    effettivamente acquistati. Il condizionale è davvero d'obbligo, perchè
    bisogna poi verificare l'entità della commissione che la concessionaria
    pretende di lucrare...

    Il payperview deve invece costare mediamente di più, non foss'altro per il
    fatto che anche laddove il click rate sia pari a zero la conoscibilità del
    brand cresce (equivale un po' a collocare un gigantesco pannello
    pubblicitario in Piazza San Marco a Venezia: lo vedono tutti - e meglio -
    rispetto alla locandina appiccicata su una porta di un bar).

    Questo per quanto riguarda l'investitore. E per quanto riguarda i siti che
    hostano il pop under?

    Ebbene, abbiamo verificato che nessuno dei molti siti su cui abbiamo
    collocato pop under hanno avuto un calo dei visitatori, forse proprio
    perchè, aprendosi in back ground rispetto alla pagina su cui sono
    inseriti, non non sono considerati intrusivi; mi pare che questa sia la
    prova provata della non dannosità dei pop under stessi. Considerando poi
    che è anche possibile fare in modo che il pop under si apra solo la prima
    volta che un utente si collega alla pagina di riferimento, senza refresh
    dunque, ritengo di suggerire caldamente questa forma di promozione on line.

    Nello scusarmi per la lunghezza dell'intervento, vi riporto da ultimo il
    commento di un nostro editore, che accettando di collocare un pop under
    pubblicitario sul suo sito, facendogli osservare che non avrebbe dovuto
    temere un calo nelle visite del sito, mi disse che lui offriva servizi
    gratuiti ai visitatori, e che quindi questi ben potevano accettare la
    presenza di messaggi pubblicitari che garantissero la possibilità al sito
    stesso di continuare la fornitura di servizi gratuiti (aggiungo che il
    sito ha addirittura aumentato i suoi accessi negli ultimi mesi...).

    Un saluto a tutti.

    Riccardo degli Antonini


    dott. Riccardo degli Antonini
    Affari Legali e Commerciali
    Comprabanner S.r.l. - adv on line
    Via a Prato 4 - 38068 Rovereto (TN)
    www.comprabanner.it
    Office: +39 - 0464 - 443378
    E-mail: riccardo@comprabanner.it