Eta', vino vecchio, cardinali e Internet (era Re: Internet: Umberto Eco parla oggi come 15 anni fa

A 75 anni, anche lui sta diventando una parte del problema italiano, e non
una parte della soluzione: il fatto che in Italia ci sono troppi
ultrasettantenni ai vertici dei vari palazzi, a cominciare dal Papa, i
Cardinali, (...)

Gianni, scusa ma che c'entra l'età del Papa e dei Cardinali con la tua interessante disamina?

L'età non è sempre sintomo di inadeguatezza, come nel caso di Eco, ma può essere il testimone di esperienza e/o qualità: un vino vecchio è un vino nobile, un vecchio calciatore è affidabile nelle partite importanti.

Il problema di Eco mi sembra più di carattere ideologico: l'accentramento del sapere e delle competenze in mano al gruppo dei Saggi (secondo il modello francese dell'Encyclopédie) vs. il modello orizzontale e wikipediano della condivisione e accrescimento comune del sapere.

In una società in cui l'età media si allunga e continua ad aumentare l'approccio semplicemente giovalinistico (e non mi riferisco al tuo, ovviamente) del tipo l'ultimo-ha-sempre-più-ragione avrà sempre meno senso.

Mi spiego meglio. Premetto che ho 49 anni e non son certo di primo pelo (nel neolitico un uomo di 49 anni era un anziano dalla barba lunga, se sopravvissuto, e gia' bisnonno), smanetto su internet dal 94, mentre uso l'e-mail dal 91 e il computer dal 1985. Un po' di prospettiva storica ce l'ho anch'io, non solo il Maestro Eco e Monsignor Tonini :-). Mose' era piu' giovane di me, quando ha attraversato il Mar Rosso.

Ovviamente l'eta' non e' sinonimo di inadeguatezza - in generale.

Pero' il fatto che in Italia le prime tre cariche dello stato siano in mano a ultrasettantenni (Napolitano; Marini; Bertinotti), i politici cinquantenni vengano considerati "giovani" (D'Alema; Formigoni; Casini) , il presidente del consiglio sia settantenne (o 69, cambia poco), il capo dell'opposizione ha 71 anni... be' questo fatto e' un problema.

Bush, Zapatero e Blair sono diventati presidenti o primi ministri prima dei 45 anni, o giu' di li'. Angela Merkel e' sulla cinquantina. Sarkozy non ha cinquant'anni.

E' un problema che e' dovuto in parte anche al fatto che in Italia fa parte della classe dirigente anche la gerarchia ecclesiastica, costituita da ottantenni, settantenni e sessantenni, alcuni dei quali modernissimi, vivacissimi e saggissimi ma, in media, non privi dei problemi dell'eta':

  • Un'educazione fondamentale ricevuta sotto il Fascismo (non dimentichiamo che chi e' nato nel 1930 ha fatto tutte le elementari nel momento di massimo potere del regime fascista);
  • L'intero ciclo scolastico prima del '68
  • L'intera carriera professionale senza usare personalmente il computer ne' Internet (salvo eccezioni)
  • una propensione alla diffidenza verso le novita' che e' una delle caratteristiche del nostro paese.
  • I vecchi di grande esperienza devono fare i consulenti, gli incarichi operativi devono essere dati ai giovani.

    Invece in Italia si fa carriera per anzianita', in parte perche' le regole sono sempre cosi' confuse e opache che "il giro del fumo" si impara con anni di esperienza e di relazioni.

    Gianni
    --
    ->--> Gianni Lombardi
    Scrittore freelance, insegnante di yoga
    Autore di "Come si fa a comunicare con la posta elettronica"
    http://www.tecnichenuove.com/
    e del primo blog italiano dedicato allo yoga:
    http://yogasutra.areablog.it/
    Cell. 348-2288110 - FAX 02700557862 Skype: Yogasadhaka
    "Conoscere gli altri e' comprensione, conoscere se' stessi e' saggezza." Lao Tze