Filtri

Negli Stati Uniti, molti provider filtrano automaticamente le email
contenenti parole come FREE, MONEY, AMAZING, MARKETING per arginare il
dilagante fenomeno dello spamming.

Putroppo ne fa le spese anche chi ha liste di distribuzione opt-in o
doppio opt-in, costruite con fatica e spesso onerosi investimenti.

Se siete iscritti a mailing list americane, troverete sempre queste parole
scritte F.ree o FR*EE o m.artketing, ecc..., per fare si che tutti
riescano a ricevere le mail.

Conoscete la situazione italiana? dobbiamo iniziare anche noi ad usare
questi trucchetti per permettere ai nostri iscritti di ricevere
regolarmente le nostre newsletter, o per il momento i provider italiani
sono piĆ¹ tranquilli?

Gianluca Bottaro