Geo Permission MKTG 121:precisazioni!

Ciao iperattivi listaroli,

sebbene io non sappia esattamente dove vi troviate in questo istante, e non
possa ascoltare le vostre conversazioni, vorrei "postare" un messaggio con
alcune precisazioni sulla "visione" del Geo Permission MKTG 121 che, come
prevedevo, ci riporta alla orwelliana paura del Grande Fratello (ribadisco
l'orwelliano per evitare equivoci con l'evento "mediatico dell'anno"!).

Anzitutto chiedo venia per il problema generato dai caratteri accentati,
aime'...l'essere spesso in movimento mi costringe talvolta a scrivere
l'intervento nel tempo libero e fare un "copia-incolla" con le tristi
conseguenze del caso! Perdonatemi...:-)

Vorrei comunque precisare che si trattava di un'ipotesi, peraltro
fattibile,
anzi, gia' fatta, come ci fa notare Marco Basile, e non un progetto!
Insomma, rientrava in una visione possibilistica e non "desiderata", era un
"cosa potrebbe essere" e non un "come vorrei che fosse..."!

E' innegabile che si vada verso quella direzione, giusto o sbagliato che
sia, e con tutti i pro e i contro della situazione. Perche' scandalizzarci
di fronte alla possibilita' di ricevere 10-20 messaggi personalizzati, e
non
ribellarci alle migliaia di bombardamenti quotidiani ai quali siamo
sottoposti e che ci condizionano senza che ce ne rendiamo conto? O pensiamo
davvero di essere sempre liberi di scegliere? Per non vedere la pubblicita'
in strada..saremmo costretti a camminare o, peggio ancora, guidare a occhi
chiusi, e al cinema...dove paghiamo il biglietto per vedere un film e
quando
spengono le luci e siamo tutti pronti ci rifilano la pubblicita' (e i promo
dei prossimi film)...dovremmo forse alzarci (al buio), uscire e rientrare
quando sentiamo la sigla del film? E se il nostro amico viene a trovarci
con
il cappellino di Yahoo lo mandiamo via o lo costringiamo a togliersi il
cappello? Insomma, quanta "invasione" di messaggi tolleriamo
quotidianamente
con la massima rassegnazione? E con quale logica ci scandalizziamo perche'
in cambio di un servizio gratuito, come l'utilizzo dell'UMTS (che, per
inciso, dovrebbe consentirci l'accesso a centinaia di servizi e
informazioni
utili...!!) riceviamo qualche messaggio che, probabilmente, non ci fa
neanche tanto schifo?

Quante volte vorremmo poter avere un "filtro" per ricevere solo i messaggi
di quello che ci interessa, liberandoci del "rumore" fastidioso di quello
che non ci tange? E' davvero una proposta scandalosa o pensate che ci siamo
adattati al "peggio" al punto di darlo per scontato e non sappiamo
valorizzare una nuova opportunita' che, peraltro, offre una
personalizzazione con un vantaggio per l'utente?

Quanto al Grande Fratello (sempre quello orwelliano), e' un paragone che
non
regge, sebbene in questo periodo sia tornato alla ribalta, ma il vero
"orrore" del Grande Fratello era il "controllo" delle informazioni. "Chi
controlla il passato controlla il presente, chi controlla il presente
controlla il futuro" (e tralasciamo lo psicoreato..etc etc etc), ben
lontano
dalla mia "vision"! Internet consente un libero accesso alle informazioni
(almeno spero!)e l'UMTS consentirebbe a piu' persone (tecnologia con piu'
alta diffusione) di accedere a queste informazioni. Piu' informazione,
quindi, piu' liberta' e meno controllo.

In ogni caso ormai il mondo ha raggiunto una velocita' tale per cui mentre
noi discutiamo dei pro e dei contro di una "vision" in una mailing list,
sicuramente qualcuno, oltre al caso citato da Marco Basile, lo sta gia'
facendo!!

Saluti a tutta la lista,
Simonetta

Simonetta Zandiri
zandiri@tin.it
tel.011/9859884