Il corriere che non correva

Aspetto un pacco dal Lussemburgo. Trovo l'avviso nella
posta, il corriere e' passato mentre non c'ero. Per
curiosita', mi collego al sito di Bartolini Espresso per
provare, per la prima volta, l'ebberezza della tracciatura.

Leggo "Inserire il numero di spedizione": guardo sul
modulo il numero, lo inserisco e la risposta e' "inserire
12 caratteri".

Come dodici caratteri? Ricontrollo il numero: ha 9
cifre. Riprovo ma niente: "inserire 12 caratteri".

Guardo meglio sull'avviso se ci sono altre cifre di 12
caratteri: ci sono 2 numeri da 12 caratteri nel rif.
mittente (?), forse saranno quelli. Provo prima uno
poil l'altro, ma la risposta e' sempre la stessa: non
risulta nessuna spedizione. Possibile? Cerco allora
nell'help on line. Scopro che il numero di spedizione
di 12 cifre e composto da 3 serie: linea, serie, numero
di spedizione. Scopro anche che bisogna aggiungere
degli "zeri"

Leggo la "spiegazione":
___________________________________________

Il numero da digitare, di 12 cifre complessive, e' cose' composto:

  • LINEA, ovvero il codice del Punto Operativo di
  • partenza. E' costituita da 3 cifre. Nel caso ne siano
    riportate meno e' necessario anteporre gli zeri
    necessari ad arrivare a 3.

  • SERIE, ovvero un numero assegnato ad alcuni clienti.
  • E' costituita da 2 cifre. Nel caso ne siano riportate
    meno e' necessario anteporre gli zeri necessari ad
    arrivare a 2.

  • NUMERO di spedizione vero e proprio. E' costituito da
  • 7 cifre. Nel caso ne siano riportate meno e' necessario
    anteporre gli zeri necessari ad arrivare a 7.
    ______________________________________________

    Attimo di scoraggimento: ma perche' questo casino?
    Perche' non mettere in evidenza sull'avviso il numero
    ESATTO senza costringere l'utente a queste
    complicazioni? Va' a sapere. Scopro comunque che sul
    mio numero comunque mancano i tre zeri della serie. Riprovo aggiungendo i
    tre zeri e finalmente entro.

    La bella notizia e' che il pacco e' stato ritirato dal
    corriere in Lussemburgo alle 18.00 e spedito in Italia
    alle ore 21.00 dello stesso giorno. Il giorno seguente
    alle ore 8.00 era gia' a Trento.

    In sole 11 ore il pacco dal nord-europa e' arrivato a
    destinazione in Italia. Fantastico, si dira'. E invece
    no. Dopo 3 giorni il pacco e' ancora in mano al
    corriere Bartolini. La prima consegna "a tradimento" e'
    fallita perche' ovviamente non ero in casa. Chiamo per
    concordare la consegna al giorno successivo.

    "Ora non si puo'", mi rispondono "richiami domattina il mio collega".
    Faccio richiamare per mio conto l'indomani da un'altra persona: le
    rispondono che non c'e' nessuna consegna a mio nome (?).

    Il giorno seguente richiamo io: alle 9.15 risponde
    la segreteria telefonica che mi notifica che l'orario di
    apertura e' alle 9.00.

    Insisto varie volte, finalmente risponde qualcuno.
    -Salve sono il tal dei tali, era per quel pacco...

  • Nome?
  • Do' il nome.

  • Non c'e' nessuna consegna (!).
  • Ma come sarebbe? Ho qui il vostro avviso...
  • Mi dia il numero di spedizione.
  • Gli do' il numero.

  • La consegna e' stata tentata ieri.
  • Ma come, mi hanno detto ieri mattina che non c'era nessuna consegna in
  • corso!

  • Ormai sara' consegnato lunedi' 16 - dice imperturbabile.
  • Allora il pacco vengo a prendermelo io- ribatto.
  • Non si puo'.
  • Come non si puo'?
  • Bisogna farsi autorizzare dal mittente, che ha regole
  • molto rigide (?).

  • Ma scusi, il pacco e' mio, indirizzato a me, e' gia pagato, vengo la'
  • col documento e non me lo date? Io ho urgenza.

  • No mi spiace, capisco e condivido le sue ragioni (sic!)
  • ma dobbiamo farci autorizzare dal mittente.

    Per cui da venerdi' si "slitta" fino a lunedi'.
    Insisto. Per darmi il contentino, il tizio dice che tentera' di
    rintracciare il corriere e farmi consegnare al
    pomeriggio. Campa cavallo!

    Morale: 11 ore per fare 800 km da Lussemburgo a Trento
    e, alla fine della fiera, probabilmente 6 giorni,
    DICO SEI GIORNI per fare i 4 chilometri che mi separano
    fisicamente dal corriere!

    Non c'e' qualcosa che stride in tutto questo?
    Ho segnalato via mail la faccenda dei numeri sul
    sito, non ha ovviamente risposto nessuno.

    PS: il pacco e' poi effettivamente arrivato al sabato
    nel primo pomeriggio. 4 giorni in ogni caso, che
    sarebbero diventati SEI se non avessi insistito,
    mi sembrano francamente troppi.