Il mercato dei prodotti tipici

In leggero ritardo vorrei riagganciarmi al tema lanciato da R. Sette a
proposito della fattibilità di progetti web che riguardino i prodotti
tipici, per esprimere la mia opinione e portare la mia più o meno diretta
esperienza in merito.

Il fatto che il mercato dei prodotti tipici sia "inflazionatissimo", che
esistono numerosissime aziende presenti sulla Rete con offerte similari,
non significa che altre realtà non possano avere spazio. Quali attività
possono rappresentare ad oggi una "novità" su Internet? Ormai sulla Rete
c'è davvero di tutto e di più. Se un'azienda produce olio, conserve,
oppure produce vestiti, mobili, perchè mai non dovrebbere promuovere la
propria attività e attivare una sezione di e-commerce per il fatto che
sono tante le aziende concorrenti che lo fanno? Anzi potrebbe essere
proprio questo lo stimolo..... Che dire del settore turistico? anche
quello è "inflazionatissimo", eppure sempre più villaggi, alberghi ed
altre strutture ricettive entrano in Internet e danno all'utente la
possibilità di prenotare ed acquistare soggiorni. Molti si dotano di un
proprio sito web e nel contempo s'inseriscono in portali incentrati su
viaggi e turismo e siti in qualche modo attinenti (riguardanti magari la
località in cui si trova la specifica struttura turistica).

G. Caffarati nel suo intervento di risposta, considera la decisione di
realizzare un sito di commercio elettronico di prodotti tipici come
rischiosa, e propone piuttosto di entrare in un portale generalista o una
bottega virtuale tipo tiscali. Non capisco perchè le due iniziative
debbano essere alternative; e poi, a dire il vero, la soluzione suggerita
lascia poco spazio alla percezione di "genuinità" e "naturalezza" dei
prodotti in questione da parte del potenziale consumatore.

In sostanza, ci sono sicuramente prodotti e servizi che si prestano meglio
alla vendita on line rispetto ad altri, ma penso che ogni
prodotto/servizio possa ottenere un adeguato successo se si arricchisce il
sito di contenuti e servizi che possano rappresentare per il consumatore
un "valore aggiunto". Dunque, la fattibilità di un sito dipende dalla
natura del prodotto piuttosto che dal numero più o meno elevato di altre
aziende del settore on line.

Inoltre, la definizione stessa di "prodotto tipico" dovrebbe far pensare
ad un prodotto con caratteristiche peculiari, locali, che già di per sè ha
una forza intrinseca di "differenzazione". Dipende dall'azienda che lo
produce e che intende venderlo, puntare su tali caratteristiche e renderlo
appetibile.

A testimonianza di ciò che penso vi sono due iniziative di aziende
calabresi che da pochissimo hanno avviato un progetto web: una è una
società ("Bella Calabria") che commercializa prodotti tipici calabresi di
alta qualità con un proprio marchio (per chi fosse curioso
www.bellacalabria.com), e che sta ricevendo diversi ordini, sia attraverso
il sito che altre iniziative, soprattutto partecipazione a fiere (da San
Francisco a Riccione). Oltre ad attirare nuovi visitatori (che ci si
augura si trasformino in consumatori dei prodotti trattati), il sito web
ideato può essere di supporto per i futuri ordini dei clienti acquisiti
nell'ambito delle fiere.

La seconda testimonianza riguarda proprio un Oleificio (come il cliente di
R. Sette che ha aperto il dibattito), che ha da poco realizzato un sito di
piccole dimensioni (chi è curioso una volta, non può non esserlo anche la
seconda..;-) www.automatico2000.com), più a scopo promozionale che non con
l'obiettivo di realizzare una vendita diretta dal sito dei propri
prodotti. In base ai contatti ricevuti (intesi come richieste via e-mail
di informazioni sui propri prodotti - caratteristiche, packaging, prezzi
per rivenditori, quantitativi soddisfacibili- ) l'Oleificio in questione
ha deciso di implementare il sito predisponendo di qui a poco il modulo di
e-commerce.

La domanda di prodotti tipici non è satura e c'è ancora spazio per nuove
iniziative se ben progettate.

Saluti alla lista.... e ai produttori di prodotti tipici..nella speranza
che m'inviino un cesto omaggio!!! ;-)

Tiziana Nicotera