internet è solo un mezzo!

Per prima cosa, un saluto ad Elena e a tutta la lista.

Mi è dispiaciuto molto non poter venire ad Internet Expo, così da
incontrare di persona un po' di gente, ma purtroppo l'influenza mi aveva
messo ko!

Vi seguo già da qualche tempo, ma fino ad ora non ho mai scritto, perchè,
devo ammetterlo, davanti alla maggior parte di voi tendo ad avere un
atteggiamento un po' reverenziale :-)!

Oggi, però ho deciso che era il momento di intervenire, ho parecchie cose
da dire, ma cercherò di essere il più breve e chiara possibile, salvo
essere, ovviamente, a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Comincerò con il presentarmi, in modo che possiate meglio comprendere le
mi affermazioni.

Io provengo da una formazione scolastica prettamente umanistica (liceo
classico + scienze politiche ad indirizzo sociologico), ho sempre avuto
una grande passione per la comunicazione umana, ma ho sempre considerato
gli strumenti della comunicazione solamente un mezzo!

Mi sono avvicinata all'informatica per necessità (scrivere la tesi) e per
sfida (capire di cosa parlava sempre il mio fidanzato ingegnere).

Anche l'argomento della tesi (internet, la società dell'informazione e i
rapporti di potere) è stata una sfida: capire perchè le persone parlavano
in maniera così entusiasa di internet.

Poi internet è diventata una passione e ora mi sto adoperando perchè
diventi sempre di più anche il mio ambito di lavoro, ma il quesito di
allora rimane per me ancora insoluto:

perchè ci si accanisce a voler vedere nell'internet un qualcosa di diverso
da uno strumento di comunicazione? Internet è, forse, il più potente
sistema di comunicazione che esista, è la più grande enciclopedia del
sapere umano mai esistita (basta saperlo cercare) ma è, per l'appunto
soltanto uno strumento, e come tale può essere "buono" o "cattivo" a
seconda dell'uso che se ne fa.

Sono gli uomini che la usano che possono renderla buona o cattiva e
parlare di etica del web marketing non mi sembra diverso dal parlare di
etica del marketing tradizionale. Inoltre, internet, come tutti gli altri
strumenti rimane neutra, nel senso, che come il telefono può servire sia
per dare notizia di una disgrazia sia viversa per dare una buona notizia,
così anche internet può essere contemporaneamente sede di forum e di
iniziative no-profit e di siti pornografici.

Non credo, quindi, che potremo mai fare in modo di eliminare il "male" nè
da internet nè dalla televisione nè da nessun altro media, dato il fatto
che esso è parte integrante della natura umana (qui si potrebbe anche
aprire un dibattito filosofico, ma sarebbe decisamento off topic!).

Quello che possiamo fare è cercare di svolgere bene il nostro lavoro,
secondo elementari regole di etica professionale.

E qui mi fermo, anche se le cose da dire sarebbero ancora molte, ma le
serberò per un futuro intervento!

Ciao a tutti, Barbara Padovan

Assistente ricerche di mercato presso La Fabbrica
www.scuola.net