Internet o l'Internét (ovvero: della filosofia)

Buongiorno a Claudio Premarini e a tutta la lista!

Caro Claudio, leggendo le tue considerazioni, è emerso in me in modo
naturale un ricordo di gioventù ...

il simposio platonico ...

belle speranze dei tempi dell'università: la filosofia come ricerca, come
disciplina del pensiero, come scambio, come "eccellenza" (guarda caso, lo
stesso termine che hai usato tu!) ...tutto lasciato per strada ...e poi
un'illuminazione: che non possa essere proprio Internèt l' "ambiente"
della ricerca, dello scambio, di una comunità dell'eccellenza?

Non abbiamo forse a disposizione un mezzo di straordinarie potenzialità e
di straordinaria efficacia, concepito appositamente per relazioni di tal
genere? Davvero non possiamo portare un contributo perchè Internet possa
essere "agorà filosofica" e non folkloristico mercatino all'aperto?

Un milione, dicevi tu ...parliamone, io ci sto!

In fondo, sotto questo tailleur, batte ancora un cuore da filosofa e da
rivoluzionaria ...e sotto le vostre giacche?!?

Cari saluti a tutti.

Elena Malagoli