Italia.it, il portale della vergogna

E' on line il mega portale Italia.it, dopo due anni
di lavorazione e un costo monstre di 45 milioni di euro
(quarantacinque!).

Cioè è on line l'esempio più clamoroso della cialtroneria italiana. Il sito non è pronto, non funziona ed è pieno zeppo di errori. Lasciamo pure correre che non si vede bene con Firefox o Opera, le animazioni flash pesanti e inutili e la sonora intro demenziale col Barbiere di Siviglia (!).

L'aspetto grafico è anche gradevole, ed è l'unico aspetto positivo.

Quello che è grave, direi inaccettabile, è aver messo on line un sito a dir poco vergognoso, un sito che dovrebbe essere il simbolo e l'immagine dell'Italia, e infatti lo é.

E' il simbolo dell'Italia che non funziona, della sciatteria, del pressapochismo, dello spreco di denaro pubblico.

Non hanno neppure avuto il buon gusto, diciamo l?educazione, di curare almeno le prime pagine: si entra scegliendo la lingua italiana ed esce il sito mezzo in italiano e mezzo in tedesco!.

Neppure la pagina "chi siamo" hanno controllato, ecco cosa si legge

Chi siamo L'iniziativa del portale nazionale del turismo Italia.it nasce nell'ambito del più ampio programma "Scegli Italia" lanciato dal
Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione e previsto dall'art. 12 della legge 80/2005 con l'obiettivo di promuovere e valorizzare anche sulla rete internet l'offerta turistica italiana sotto i diversi profili culturali, ambientali, enogastronomici e del made in Italy"

Chi siamo? Esatto, dei cialtroni. In "note legali" si legge, ripetuto ben 5 volte!

"Innovazione Italia non sottopone i contenuti pubblicati a verifiche di qualità, veridicità, completezza, aggiornamento, curandone esclusivamente l?eventuale rielaborazione grafica e/o tecnica a fini di uniformità dell?aspetto del Sito, nonché di omogenea fruibilità dello stesso"

Stessa cosa per "i diritti di proprietà", ripetuti tre volte.

Che non curassero affatto la qualità e la correttezza dei contenuti appare fin troppo evidente.

In "scopri l'Italia" e cercando "montagne" in Trentino, forse la regione più montagnosa d'Italia, non ne figura nessuna! Neppure le montagne più famose del mondo, le Dolomiti!

Hanno scritto anche "Tentino" anziché Trentino con la "r" nell'indirizzo dell'Apt centrale, sbagliando ovviamente anche l'indirizzo internet.

Ma non basta: nella sezione "province" alla descrizione di
Trento il Monte Bondone diventa "Boldone" e l'altra celebre montagna dei trentini, la Paganella, diventa il "Monte Raganella"!

Decisamente comica anche la descrizione della gastronomia: secondo il mega portale italia.it i piatti tipici trentini sarebbero "l'anguilla alla trentina" (?), "la pasta e fagioli" , il "pasticcio di maccheroni", "la salsiccia cotta al forno" e la "frittata con farina e latte"! Ma sono impazziti? L'Anguilla, la pasta e fagioli, il pasticcio di maccheroni? Ma dove se lo sono sognato?

Non procedo oltre, dico solo: vergogna! 45 milioni di euro!

Segnalatemi, se volete, altre castronerie riguardanti la vostra regione: c?è da ridere (per non piangere)