L'e-commerce in Italia: che disastro....

Ciao a tutti,

sotto Natale, ho provato a cercare di fare acquisti in Rete su e-shop
italiani. Finora avevo comprato soltanto libri, solo rigorosamente o su
Amazon o su Internet Bookshop (Ibs).

Inoltre, avevo deciso di organizzarmi per i back up on line (tanto, da
anni sono troppo pigro per usare i floppy).

Non guardavo shop italiani (a parte Ibs) da
piu' di un anno e pensavo che la situazione,
alle soglie del 2002, fosse diventata almeno decente.

Ho cercato cose varie, non solo dischi; per esempio anche delle cuffie per
telefono fisso, delle lampade alogene e una teiera da un litro
e mezzo. Dischi a parte, mi sarei accontentato
di una buona descrizione dei prodotti e di
un elenco di rivenditori o negozi tradizionali.

Disastro completo. Pagine trovate dai motori
che o non sono piu' on line o sono in corso
di allestimento (e non e' colpa dei motori...
la mania di cambiare indirizzo in continuazione
o di mettere on line schifezze e inutilita' e' sempre troppo diffusa),
cataloghi con solo 3 o 4 prodotti, descrizioni mancanti, a volte niente
foto. Spesso, nessuna informazione sulle modalita' di spedizione, fino a
quando non si ha concluso l'acquisto, o sulla possibilita' di fare
un pacchetto (qualcuno vuole una segnalazione
a parte, via email!) o di spedire il tutto
a un indirizzo estero.

Gli stessi prodotti, su e-store statunitensi,
si trovano in maggiore varieta', ben descritti
e con ottimi servizi di spedizione.

La differenza piu' spaventosa, forse, e' per
i dischi. Su Amazon - ma non solo - si trova
di tutto, da tutto il mondo, completo di sample dei brani e, come tutti
sapete, con servizi per l'acquisto che sono perfetti. Su negozi italiani
(non faccio nomi) ricerche su cose nostrane e banali come "jovannotti"
restano senza nessun risultato, mentre molto spesso mancano persino
la copertina, l'anno di uscita e l'elenco dei brani.

Confesso di non aver mai guardato Zivago,
ma, se era nella media dei servizi italiani,
non mi stupisco che sia stato chiuso.

Sui libri, peraltro, anche l'unico grande
rivale di Ibs, Bol, resta per ora miglia indietro sia come cataloghi sia
come qualita' dei servizi, Imo.

Personalmente, per i Cd continuero' a comprare
su Amazon, anche se costa di piu'. Il piacere della navigazione nel loro
catalogo e' impagabile.
Alcuni giorni fa ho passato li' 6 ore filate,
tra vecchi dischi brasiliani, sudamericani e francesi. Molto meglio anche
di un negozio "brick and mortar".

Sui servizi di back up on line, idem. Stanno nascendo anche in Italia le
offerte per l'affitto on line di spazio disco. Ora, a parte
i prezzi esorbitanti (24 euro al mese per
200 MB su Aziende.it, per esempio) e diversissimi da un operatore
all'altro (come se manco sapessero quanto vale quello che stanno
vendendo), ci sono alcuni "piccoli" problemi, che in Italia stroncheranno
un servizio gia' in via di decollo in altri paesi.

L'interfaccia spesso fa piangere ed e' inutilizzabile (e' il caso del
servizio consumer, per ora gratuito, di Dada). In compenso, i contratti
che si firmano sono spesso vergognosi e specificano che l'utente non puo'
lamentarsi in caso di perdita di dati e che, anzi, e' tenuto a conservare
dei propri back up (per i servizi a pagamento rivolti alle aziende
o al Soho!!!)

Come se non bastasse, il pagamento (su Genie, tanto per non far nomi, uno
dei meno cari) sia via Web sia per telefono e' possibile solo con carte
Visa o Mastercard. Telefonate e mail di protesta con la dichiarazione di
voler sottoscrivere il servizio non servono a ottenere altre modalita' di
pagamento.

Che le aziende italiane abbiano tutte Internet
ma non ne abbiano capito un beato e non sappiano cosa farsene ce lo
avevano gia' spiegato qualche mese fa alcune ricerche di Sirmi, Assintel e
Fed, ma direi che la realta' supera l'immaginazione.

Insomma.... Buon Natale, ma se anche quest'anno l'e-commerce in Italia
stenta a decollare, che nessuno accusi l'arretratezza degli utenti o del
medium....

P.S.: non mi pagano Amazon o Ibs (manco un buono
sconto, purtroppo....)

Ciao a tutti, Fabio.

-- Fabio Metitieri (yukali@tin.it)
http://space.tin.it/computer/f metitie
"Adsl ergo sum" (f.m.)