L'equilibrio complessivo di una pagina web

Un saluto a tutta la mailing list ed in particolare a Bruno e a Luca.

Quando mi riferisco all' equilibrio complessivo di una pagina web intendo
la giusta integrazione di tutte le componenti che vanno a costituirla.

Proverò a spiegarlo con parole più semplici e alla fine cercherò anche di
farvi un esempio pratico.

Premesso che il risultato migliore è di posizionare una pagina (o la
maggior parte delle pagine di un sito) entro la prima pagina dei maggiori
motori di ricerca (e scusate se è poco !!!:) ) e premesso anche che la
concorrenza è tanta, il lavoro principale che deve essere compiuto su una
pagina web è di integrare tutti i suoi elementi equilibrandoli in
relazione al target da raggiungere. Questo target è composto da una
popolazione media che consulta i motori di ricerca per cercare determinati
contenuti (o prodotti...) la maggior parte della quale usa mediamente
determinate "parole chiavi" di ricerca a volte anche intercambiabili fra
loro.

Per es. se io dovessi far apparire una pagina che vende un
"registratore telefonico" ai primi posti dei maggiori motori di ricerca
mi preoccuperei innanzitutto di verificare quali sono le parole che la
popolazione media di internet userebbe per effettuare questa ricerca. Nel
nostro caso possiamo dire con una particolare certezza che i termini
maggiormente usati in questo caso sono "registratore telefonico"
accompagnato da alcune parole variabili o aggiuntive del tipo "digitale",
"pc", "vendita", "offerta" ecc. Se voglio considerare anche gli eventuali
utenti stranieri allora aggiungerò al mio elenco di parole chiavi anche il
relativo inglese ("telephone recorder"). Il primo passo dunque è capire
"come" l'internauta medio cerca il servizio o il contenuto o il prodotto
su internet.

Sulla base di questa verifica e dei relativi risultati va impostato tutto
il progetto di costruzione di una pagina web.

Quest'ultima sarà composta da tanti elementi: testo scritto e immagini
principalmente e spesso anche suoni, video ecc. Il relativo codice html
può essere integrato con script o avere comandi asp. La stessa estensione
della pagina può essere di vario tipo (di frequente si ritrova in internet
un index.asp anziché il solito index.htm).

Senza scendere nei dettagli troppo tecnici è importante capire che tutti
questi elementi devono essere tra loro integrati ed Equilibrati senza mai
perdere di vista l'obiettivo (rendere forti le parole chiavi di ricerca
dell'utente medio).

Cosa significa equilibrato??? Concetto difficile ma che ogni project
manager che conosce bene il suo mestiere dovrebbe percepire. Tutti gli
elementi di cui sopra devono essere facilmente "interrogabili" dallo
spider e perciò per es. una pagina web ideale non dovrebbe superare una
certa dimensione (per es. si sconsiglia di fare un uso spropositato di
immagini troppo pesanti).

Il contenuto scritto in una pagina web deve essere equilibrato nel senso
che deve sapientemente contenere più volte (senza esagerare
però...altrimenti lo spider ti "banna") le parole chiavi di ricerca
dell'utente medio. La stessa pagina che contiene il testo scritto deve
essere una cd. "pagina fisica" e non una virtual page frutto
dell'elaborazione del server ottenuto per es.
utilizzando asp o php (sono sistemi comodi ma i motori non gradiscono...).

Ora torniamo un' attimo al concetto di metatag.
Qualche anno fa i motori di ricerca erano programmati in modo da dare
particolarmente valore ai (o alle) meta tags. Particolare valore poi
avevano i tags "description" e "keywords" che potevano condizionare il
ranking in un motore. Anche il tag title aveva un certo valore. Ebbene l'uso
indiscriminato di tali tags ha fatto rendere conto i programmatori dei
motori di ricerca che si doveva cambiare strada. Il primo interesse di un
motore di ricerca è quello di offrire risultati di ricerca quanto più
fedeli altrimenti i visitatori se ne vanno e "crack...". Ecco che i nuovi
software degli attuali spider "snobbano" i metatags (tranne alcune poche
eccezioni) e interrogano l'intera pagina.

Ecco che acquistano valore: la dimensione della pagina, la dimensione dei
singoli elementi della pagina es. immagini, il loro nome, il contenuto
scritto (e che sia realmente scritto e non un testo/immagine) il titolo e
la rispondenza dei vocaboli presenti nel titolo con quelli ritrovati
all'interno della pagina. Ecco che le metatags acquistano un valore
diverso.

Molti motori continuano ad interrogarle, ma non per darle il valore
"assoluto" come avveniva anni fa ma per "confermare" quanto già
riscontrato nel titolo e nel contenuto fisico della pagina.

Il giusto equilibrio fra questi elementi in relazione ai parametri di
programmazione degli spider e in relazione alle parole chiavi di ricerca
dell'utente medio consente di raggiungere i primissimi posti dei maggiori
motori. Risultato??? Tanti visitatori senza fare troppa fatica e senza
spendere troppi soldi extra con altre promozioni.

Quanto detto qui (anche se in modo stringato) è frutto di una lunga
sperimentazione nei nostri laboratori (sperimentazione che è ancora in
corso...e che difficilmente terminerà viste le nuove prospettive di
interazione tra motori e XML) che ci ha dato qualche risultato non di poco
conto .

  • Per esempio (tralasciando i risultati raggiunti da Salus.it) l'azienda
  • dove lavoro (la Uniplan Software) ha prodotto un piccolo registratore
    telefonico digitale. Ebbene il proprietario dell'azienda ha voluto che il
    prodotto fosse venduto senza spendere soldi "inutili".

  • Ebbene provate a cercare su Google "registratore telefonico" e al primo
  • posto in assoluto troverete il nostro sito (ma gli esempi potrebbero
    essere centinaia...). Se però qualcuno di voi non dovesse essere convinto
    che "registratore telefonico" sia un termine medio valido per quel
    prodotto e che sarebbe meglio considerare il più generico
    "registratore"...ebbene sempre su google scrivete semplicemente
    "registratore" o se qualcuno di voi è straniero potrà scrivere anche
    "telephone recorder"... tanto entro la prima pagina noi ci siamo sempre...
    Ebbene provate ad indovinare quante prenotazioni ci sono arrivate e da
    quanti paesi del mondo???

    Per concludere i meta tags non servono più a condizionare i motori ma solo
    a "confermare" quanto già presente nella pagina fisica. Ripetere troppe
    volte una certa parola è però pericoloso... ma di questo ne riparleremo in
    futuro.

    Un saluto speciale a tutti

    ciao :)
    Donato
    www.uniplansoftware.it