L'usabilità c'è sempre (era: Semplificazione dell'e-marketing)

Roberto Venturini:

[...] se io cerco emozione da un sito
(Ferrari, Harry Potter, Star
Wars...) me ne posso fregare dell'usabilita' (fondamentale
invece se cerco gli orari, cioe' contenuti/servizio e non emozione)

Mi spiace Roberto ma non concordo con l'affermazione "se io cerco emozione
da un sito me ne posso fregare dell'usabilita'".

Se non riesco a raggiungere l'emozione che cerco che emozione ottengo?

Ovviamente in un sito emozionale le esigenze di usabilità saranno diverse
da quelle di un sito informativo, ma esisteranno ugualmente.

Sarebbe come dire che Topolino, rivista che deve fornire emozioni, può
essere meno "usabile" de l'Espresso dal quale mi aspetto informazioni.

Personalmente non mi è mai capitato di lavorare su siti "emozionali" e
quindi non ho mai approfondito le tematiche dell'usabilità legata a questi
tipi di siti, ma che l'usabilità sia fondamentale ne sono convinto come
utente.

Esempio pratico il sito www.lordoftherings.net, che frequentavo da oltre
un anno prima che il film uscisse realmente, e nel quale, anche a causa di
menù strani non ben identificabili (sembrano menù a tendina, ma non lo
sono), messaggi di versioni flash che non sono mai riuscito a raggiungere
(ora la versione flash esiste, o almeno riesco a trovarla), più che
"emozioni" mi comunicava "irritazioni"!

Saluti

Marco Campagnolo