Le aziende non leggono l'email

Ciao Elena, ciao Lista.

Devo raccontarvela.

Prima, però, vi devo dare una cattiva notizia: l'e-commerce, a Milano, si
svilupperà in un periodo compreso tra i prossimi venticinque e i cinquanta
anni.

Ora vengo al fatto.
Per l'associazione non-profit (non è un errore, è scritto in Latino, non
in inglese) di cui faccio parte ho cercato un fornitore di spillette da
giacca, una incisoria, per far realizzare delle spillette da giacca con il
nostro marchio, da distribuire a chi si è associato e a chi lo farà. Ho
selezionato un paio di aziende attraverso InterNet e poi ho inviato
all'indirizzo che era indicato sul sito, tramite il sito stesso, una
richiesta di preventivo, allegando anche il marchio, perché potessero
rendersi conto di che lavoro si trattasse e quindi fare una valutazione
più accurata. Ho specificato le misure e la quantità.

Questo avveniva due mesi fa, circa.

Non avendo mai ricevuto risposta ho dapprima inviato una richiesta di
risposta, senza esito, e questa mattina ho deciso di telefonare. Trovato
il numero dal sito ho parlato con uno dei titolari, che mi ha detto 1) non
apro io la posta, non so esattamente di cosa si tratta 2) dopo una mia
spiegazione, ricordandosi, mi ha detto che, siccome non c'era il numero di
telefono, non mi hanno potuto richiamare.

E' rimasto perplesso quando ho osservato che avrebbero potuto scrivermi
una e-mail.

Ho dato il mio numero di telefono.

Nel discorso con il socio che apre la posta, che mi ha correttamente
chiamato di lì a poco, è emerso che non avevano ricevuto il primo
messaggio, quello con le specifiche, per cui non potevano fare un
preventivo (giusto) e che non avendo il numero di telefono...
Ho osservato di nuovo, ma in modo molto lieve, che l'indirizzo di posta
elettronica lo avevano e potevano dirmelo subito...

Morale: credo che siano spaesati. Senza un interlocutore fisico non sanno
come comportarsi. Sono teneri alunni delle prime classi di
informatizzazione, e hanno seri problemi a immaginare di lavorare in un
altro modo.

Cari specialisti, tenetelo presente, abbiate pazienza e agite come fossero
(fossimo) bambini di cinquanta e passa anni.

Che la Lista sia con Voi.

Riccardo Garavaglia.