Mailing list

Ciao a tutti, provo a porvi un problemuccio concreto che ultimamente mi è
toccato e che mi ha lasciato abbastanza perplesso.

Gestiamo una newsletter settimanale che fa riferimento ad un database di
circa 20.000 iscritti.

Al momento dell'iscrizione, non abbiamo voluto chiedere agli utenti di
fornire dati particolari, email, nome e cognome a parte.

Non abbiamo in pratica alcun profilo iscritti, ma con un po' (veramente
poco) di buon senso e grazie ad alcuni sondaggi, abbiamo comunque un'idea
di chi mediamente sono: età, sesso, scolarizzazione, sensibilità verso
alcuni "temi", etc.

Il database è "pulito", nel senso che settimanalmente viene
ricontrollato, vengono eliminati gli indirizzi errati, le disiscrizioni,
etc, garantendoci un quasi 100% di iscritti "veri".

Ultimamente abbiamo ricevuto una proposta per dare in gestione il ns
database e la newsletter ad un un operatore "specializzato".

L'offerta però ci è sembrata imbarazzante e ci ha sconsigliato da
procedere in questa direzione.

Provo a sintetizzarla al massimo, anche correndo il rischio di essere
parziale:

  • proprietà database rimane a noi
  • gestione contenuto newsletter a ns carico
  • gestine invio a carico dell'operatore "specializzato"
  • gestione database a carico dell'operatore "specializzato"
  • gestione commerciale della newsletter a carico dell'operatore
  • "specializzato"

  • suddivisione dei ricavi da sponsorizzazioni della newsletter al 50%
  • Ma adesso viene il meglio:

  • nessun minimo garantito per noi
  • prezzi e "volumi" delle sponsorizzazioni a discrezione dell'operatore
  • "specializzato"

  • spazi invenduti disponibili per l'operatore "specializzato" che per il
  • 50% di questi può promuovere quello che meglio crede

  • obbligo ad inserire nella form di iscrizione alla ns newsletter, anche
  • l'opzione (già spuntata) alla newsletter dell'operatore specializzato

    Vi risparmio tutti gli altri punti del contratto che ci è stato
    sottoposto....
    il cui contenuto era abbastanza soffocante.

    Ok, ci siamo chiesti, ma avrebbe un senso economico accettare questa
    proposta (o provare a trattare)?

    La risposta dell'operatore "specializzato" è che si tratta di una
    questione definibile come "a nice thing", una cosa simpatica ma insensata
    che avrebbe rappresentato per noi al massimo una decina di milioni di lire
    / anno ed il minor costo per circa altrettanto.

    Ora, non voglio certamente mettermi a discutere sulla capacità
    dell'operatore "specializzato" in questione perchè non è questo il
    punto.....

    Ma è possibile che il contatto con 20.000 utenti con le modalità della
    posta elettronica, valga così poco?

    O si tratta di un contatto poco valorizzato perchè si sta trattando un
    database di utenti come fosse la homepage di un sito.... perchè di fatto:
    20.000 utenti per 50 inviii anno = 1.000.000 di contatti
    1.000.000 di contatti per 40 lire a contatto = 40.000.000 di lire
    50% di spazi invenduti (a discrezione dell'operatore "specializzato") =
    20.000.000 di lire
    50% di questi ricavi = una decina di milioni di lire anno a ciascuno.

    Fatemi sapere la vs opinione....

    Gabriele Lenzi
    ................................................................
    U N I T
    Piazza Roosevelt, 4 - 40121 Bologna
    Voce: 051-22.93.97 - Fax: 051-648.61.99 - Mobile: 0335-624.53.72
    http://www.unit.it - Email: lenzi@unit.it