Motori di ricerca e keywords "garantite" - conclusioni

Un saluto (-: sorridente :-) a Matteo ed a tutta la lista.

Rispondo anch'io velocemente non solo per la purtroppo (per me) obbligata
'partenza' vacanziera, ma anche perchè ho la sensazione che il thread sia
stato già abbastanza approfondito (e magari qualcuno non ne potrà più ;-)

Cercherò di schematizzare il problema di fondo presente nella dicotomia
'algoritmo vs PPR': qual'è il migliore criterio per stabilire la rilevanza
dei risultati?

PPR - i soldi

Pro: massimo controllo dei risultati
Contro: logica del 'pesce grosso' (i pesci grossi mangiano quelli
piccoli,

anche se quelli piccoli magari sono migliori)

algoritmo - misurazione 'scientifica' di più fattori (ripetizione,
posizione, popolarità, ecc.)

Pro: spettro più ampio e aggiornato da cui attingo i risultati /
risultati

'costruiti su misura' (anche se nessuno ha acquistato quelle kw)

Contro: risultati non precisi al 100% / attaccabile dagli spammer

A questo punto, che ogni utente faccia la sua scelta (è questo il bello
del Web n'est-ce pas?)

Ecco, forse su questo non sarei molto d'accordo in quanto utente. Per

un

servizio di ricerca esaustivo è bene considerare anche il web 'non
commerciale'. Ad esempio, Looksmart per l'inserimento nelle sue
importanti categorie chiede un compenso solamente alle aziende.

Con che criterio dovrei "ordinare" due siti antivivisizezione? In base
alle mie prefernze? Alle tue? Le associazioni No Profit sono aziende.
pagano stipendi, comprano pagine di pubblicità, fanno marketing al fine
di massimizzare quello che loro chiamano la raccolta e le aziende
normali chiamano profitto.

... ma alle volte hanno meno soldi delle aziende profit. Mettiamo che io
cerchi 'animali domestici'. Perchè devono apparirmi solo aziende
produttrici di cibo/accessori per cani e gatti quando invece magari cerco
semplicemente delle informazioni sulle cure degli animali domestici e
vorrei parlare con dei veterinari che mi rispondono 'a gratis', per il
puro amore degli animali (sembra incredibile ma ancora esistono ;-)?

Un altro esempio: sto lavorando con mio padre per costruire un sito utile
alle persone colpite da ictus ed ai loro famigliari. Questo sito non verrà
trovato se tutte le aziende che producono oggetti utili ai disabili motori
acquistano la kw 'ictus'. Per questo secondo me i motori ad algoritmo sono
COMPLEMENTARI ai motori PPR, che non si escludono per forza a vicenda.

Uff, che lunghi questi post (scuse a chi legge :-}

Monica

Monica Rudes
Multimedia & Content Designer
Simulware S.r.l.

monica@simulware.com
http://www.simulware.it