New economy in tivvu' :-(

Ecco una mail che ho mandato a Mediaset dopo la trasmissione di ieri sera Asterics,
e di seguito la loro risposta...

Che ne pensate? L'avete vista anche voi?

From: Pattano Massimo
To: "'asterics@mediaset.it'"
Subject: New Economy
Date: Thu, 21 Jun 2001 12:56:25 +0200

Cari Signori,
mi sento profondamente offeso dai vari messaggi che sono passati ieri
sul Vostro approfondimento in tema "new economy".
Non è possibile far passare, se si tratta di inchiesta giornalistica e
non di folklore (in caso di folklore ci ridiamo sopra), che uno a 15
anni (10 anni fa) guadagnava 6 milioni mese, lavorava c/o multinazionale
e in più viaggiava in lungo e largo l'europa imparando le lingue (forse
spalava scorie radioattive?), però di contro quando l'asterisco chiede
dei dati pubblici (fatturato/bilancio socetario) la risposta è che sono
riservati?????

Non è possibile far passare, se si tratta di inchiesta giornalistica e
non di folklore, che se uno lavora tanto guadagna tanto se lavora poco,
poco e se lavora niente sei fuori yeah, perchè ci sono anche casi in cui
si vorrebbe lavorare tanto ma è il lavoro che manca sigh.
Non è possibile far passare, se si tratta di inchiesta giornalistica,
che dalle 18 alle 19 taglio di capelli, dalle 19 alle 21 cena, dalle 22
alle 23 palestra dalle 24 alle 2 discoteca poi sveglia alle 6 e si
lavora diciamo 12
ore di media e dopo tre giorni via con le flebo.
Non è possibile far passare, se si tratta di inchiesta, che tutti sono
felici e le aziende passano da 3 risorse a 80 quando in realtà oggi
passano da 80 a 3.
Non è possibile far passare, se si tratta di, che siamo tutti
imprenditori.
Non è possibile far passare, "adesso è da imbecilli avere il posto
fisso" magari lo diciamo ai disoccupati del mezzogiorno che credo
inviaranno corposi curricula al sig di cui al primo "non è possibile".
Non è possibile.... ,la vostra redazione dovrebbe essere in RTI credo?
Comunque su Italia 1 andate in onda quindi la realtà del gruppo la
dovreste conoscere, gruppo (Fininvest) che possiede almeno tre aziende
new economy in
pieno, (Yond ex Athena 2000, Jumpy e Mediadigit) credo che almeno in due
di queste realtà non sia così alto l'umore e forse è anche per questo
che non le avete prese in considerazione per il servizio (ma come... la
rana è così new).
Credo che il messaggio da far passare sia che c'è un mare di gente che
continua e continuerà a fare il project, il grafico, il sistemista con
orgoglio guadagnando il giusto e sostenendo i sistemi e non le mode, so
che magari questo non fa colore ed è poco tvtrend ma parliamo di
giornalismo ...
reportage ...non di redazionali.
Saluti e tele aspetto ....ah se è folklore e quindi non ho diritto di
sentirmi offeso cambiate però la dicitura sul sito Mediaset On Line.
"Asterics sottolinea è un appuntamento con informazione di confine che nelle
edizioni precedenti è riuscito a metter d'accordo critica e
telespettatori.
Torna con 8 puntate monografiche dedicate ad altrettanti argomenti forti
raccontati secondo lo stile del programma, sempre un po' "sotto
traccia", alla ricerca degli aspetti meno scontati delle singole
situazioni."

Massimo Luigi Pattano
Responsabile Operativo ASP Yond S.p.A.
02-52208416
0335-7405281

risposta di mediaset

Gentile Massimo,
intanto grazie per aver visto attentamente il programma. Le critiche
sono non
solo legittime ma bene acette. Due sole osservazioni non per replicare
ma per
precisare.
L'obiettivo della puntata non era quello di spiegare se e quanto la new
economy
sia ancora in grado di produrre posti di lavoro, quanto quello di raccontare
come ci sia l'illusione che la Rete sia il nuovo Eldorado dove (testuale dal
programma) sembra che i vincenti siano la regola e i perdenti
l'eccezione..
Non
a caso il titolo era "Cercatori d'oro". Un titolo ironico, che è stato
ispirato
dalla lettura di "Net Slaves", ottimo libro di Lessard e Balwin, edito
da Fazi.
E infatti molti ci hanno scritto dicendo di aver apprezzato proprio
questo: mostrare prima l'Eldorado e poi le difficoltà. Parlavano anche
(forse le è sfuggito) quelli che si sbattono 12 ore al giorno e
guadagnano come un metalmeccanico (e ci dicono che si sentono i nuovi
operai).
La seconda osservazione è che abbiamo chiesto a tutti (imprenditori e
dipendenti) quento sia rischiosa la precarietà di tale lavoro, a partire
dalla
mancanza di tutele sindacali.
Detto questo, potevamo fare meglio, probabilmente. La prossima volta ci
proveremo
Comunque grazie

Un saluto

La redazione di Asterics