[OT] sul web c'e' il mondo reale...... (era "Internet e minori")

Mi dovete scusare, ma saro' franco.

Un bambino, un adolescente, o meglio una persona non
ha bisogno di essere "protetto" dal mondo, che tra l'altro e' una cosa
impossibile!!

O per meglio dire, non deve essere questo l'obiettivo educativo. I figli
vanno educati all'indipendenza, non verso la protezione (che in se genera
dipendenza).

Il concetto di protezione non serve ai figli, ma ai genitori per diminuire
le loro preoccupazioni.

Il genitore "controllore" non e' educativo.
I figli conoscono le nuove tecnologie meglio dei genitori (il web, il
cellulare, ma anche il videoregistratore), e quindi, di fatto, se i figli
vogliono fare le cose di nascosto le fanno.
Infine, parliamoci chiaro: sul web c'e' il mondo reale.

Semplificando direi:

L'infanzia e' il momento in cui i figli "ti seguono", e quindi bisogna,
non proteggerli, ma dargli degli strumenti per capire il mondo e
permettergli di viverci. Stimolarli e farli crescere, e per crescere e'
indispensabile la conoscenza.

L'adolescenza e' il momento in cui l'individuo si stacca e sperimenta in
prima persona il mondo in modo autonomo.
Ha bisogno di sbagliare, di trasgredire, e tutto il resto.
E' un po come dire: tu mi hai insegnato X e Y, io pero' ho bisogno di
rendermi conto direttamente se quello che mi hai detto e' cio' che fa per
me.

Questo e' un processo "naturale", e vi sono insite sia
la tradizione, che l'innovazione.

I miei nonni dicevano: "non firmare mai nulla". Pensate se questo
insegnamento fosse stato appreso ...

Stefano Sirri.

PS.
Scusate ma e' venuta fuori la mia anima da psicologo.