paradossi di Internet + richiesta info

Buongiorno a tutta la lista,

intervengo per la prima volta ma seguo Elena dagli
albori, perdonatemi il silenzio ma il vostro parere
l’ho sempre tenuto in considerazione.

Mi piace molto questa disquisizione tra brochure e
internet, strumenti che appartengono all’attività
quotidiana di produzione e fruizione nel nostro
lavoro.

Bene, pongo una domanda: avete mai provato a leggere
un quotidiano, es.La Repubblica, on line e su carta?
Quale preferite?

Credo che a seconda delle esigenze del contesto in cui
ci troviamo (casa, ufficio, treno, calma, fretta,
ricerca, svago) le risposte si possono alternare tra
una o l’altra preferenza, in ambito commerciale
pensare che chi vuole uno strumento cartaceo e non va
a vedere il sito sia da Old Economy, è pericoloso.

Primo perché non esiste la old economy (una banca, BNL
o Medilanum sono old economy? E la FIAT?), e nemmeno
la new economy (come si legge un bilancio di
Inferntia, come vendono un servizio di consulenza e
come scelgono i loro fornitori?),sono pure
razionalizzazioni per semplificare e contestualizzare
realtà complesse.

Secondo perché la digitalizzazione dei sistemi di
comunicazione non può prescindere da come ogni singolo
individuo utilizza i sensi a disposizione per
percepire: olfatto, vista, tatto e non solo.
E questo non cambia se si lavora in una web agency o
nel reparto internet di una qualsiasi azienda o se,
non si è esperti o conoscitori del mezzo.

Vi ringrazio e saluto.

Sandro Mostarda
samost@yahoo.it
Tel. 0583.266313

P.S.
A parte le mie divagazioni, cerco un informazione; chi
può segnalarmi agenzie specializzata in Found Raising
e/o Sponsoring?