Pay-to-view or Pay-to-read

Carissimi alla lista,

anzitutto buon 2k2 a tutti.

Volevo portare alla vostra attenzione un articolo pubblicato, nei giorni
scorsi, dal quotidiano inglese The Guardian, dedicato al lancio di un
nuovo progetto culturale online.

Si tratta del progetto della OUP - Oxford University Press, che e' in
procinto di lanciare, per Marzo 2002, dicono, il piu' grande research
website. OUP sta mettendo centinaia dei suoi dizionari, mini enciclopedie
e companion (libri di referenza, manuali) on line, in un sito a pagamento
tramite abbonamento. Oltre 130 milioni di parole.

Il sito Oxford Reference Online verra' lanciato con un corpo iniziale di
oltre 100 titoli tra cui anche il Concise English Dictionary e il Who's
Who del Ventesimo Secolo e presto verra' esteso a 300 volumi (letteratura
inglese, libri di cucina, manuali).

Questa iniziativa dovrebbe diventare il piu' grande progetto di cultura
generale accessibile tramite web: ma a un prezzo. Le tariffe prevedono un
costo annuale di £ 175 (circa 260 Euro) per le scuole e £ 500 (circa 750
Euro) all'anno per le biblioteche. Non esiste ancora al momento una forma
di abbonamento per singoli individui, per paura di sommergere il sito.

L'intero progetto che e' costato fino ad oggi 1 milione di sterline, ha
gia' visto la sottoscrizione trial da parte di 200-300 istituzioni.
David Swarbrick, direttore del progetto si dichiara ottimista e prevede
profitti in 4 anni: "Noi crediamo che sia possibile fare soldi con
internet".

Ottimismo che arriva anche sulle basi del successo ottenuto con l'altro
progetto online di casa: l'intero Oxford English Dictionary on line ha
portato ottimi risultati e le vendite della versione cartacea non sono
diminuite anzi, continua Swarbrick, "sono migliorate da quando esiste la
versione digitale". Ma gia' non manca la concorrenza, infatti da Dicembre
e' stato lanciato Xref.com, proprio da un ex dipendente della OUP.

L'offerta rivale prevede la presenza di volumi di case editrici note come
Penguin, Bloomsbury, Columbia.
Dopo la televisione pay per view si sta consolidando il pay per read. Un
voto confidente ai servizi a pagamento in internet?

Da parte mia, sono sicura che potro' accedere presto a tutto 'sto sapere
online tramite le ottime biblioteche inglesi, ma spero anche che qualche
istituzione italiana sia disposta a spendere qualche soldo: un voto
confidente alla libera informazione?

Buona giornata


mariangela balsama
freelance journalist
73 musgrove road
london se14 5pp
tel. no. +44(0)20 7639 9930
mob. no. +44(0)7905 138 622