Per chi vuole sorridere..

Questa e' una lettera che parte da un thread in un'altra lista, su
programmatori che diventano uomini di marketing e viceversa. Pero'.. e'
una storia che vale la pena di raccontare. Spero vi diverta.

Eppoi incontro capaci programmatori che dopo un anno di esperienza
dietro un portale piu' o meno famoso cambian lavoro vestendo i panni di
consulenti di marketing on line, incontro abili analisti di tecnologie
su rete che si trasformano in propinatori di idee b2b, incontro
invidiabili tecnici che migrano dal loro campo a quello di scelta dei
prodotti, delle offerte, insomma... incontro troppe persone che cercano
la metamorfosi da tecnico a addettp marketing.

Caro Andrea,
mi dispiace contraddirti, ma io penso che tu abbia proprio torto!

Nel caso qualcuno si domandasse dove allignino questi voltagabbana della
rete, traditori del fido Spectrum 80 e delle notti passare a scrivere,
eccolo qui, presente, a millantare clamorose esperienze di marketing e a
promettere 100.. ooopps 100.000 visitatori giornalieri :-)))))))))) (Poi
qualche volta arrivano pure.. tutta questione di culo chiaramente......

;-))))))))))))

Pero' approfitto di questo Venerdi' alquanto moscio per raccontare
brevemente cosa mi ha fatto decidere per il tradimento :-)))))))
(Vi sento: tutti a dire, che palle!)

Correva il remoto luglio 1999 quando il vostro espertissimo tecnico si
trovo' a combattere con uno sciagurato router Ascend che non ne voleva
sapere di funzionare. Che si fa? Che diamine, si richiede l'assistenza di
tecnici piu' esperti, veri maghi in Italia, che offrono assistenza
telefonica e (se proprio non capite niente) anche on site.

Risultato: due ore di assistenza telefonica a seguire istruzioni, un
tecnico che esce e anche la stimatissima super azienda, di cui per carita'
di patria tacero' il nome (Uniautomation) non cava un ragno dal buco..

Che si fa allora? Ci si rivolge al centro di assistenza europeo della
Lucent, vediamo cosa succede... tempo 30 minuti dalla prima e-mail avviene
il miracolo... una super ingegneressa svedese, Jolanda (omissis), prima
risponde per e-mail e poi telefona con una voce che avrebbe fatto
risvegliare anche i morti (le signore in lista non si offendano).

Roba, ve lo dico sinceramente, da cadere nel deliquio piu' totale.

Riprendo alcune funzionalita' cerebrali e riesco a darle i dati per
accedere al malefico Ascend. La Jolanda si connette in remoto da Parigi,
ma nemmeno lei riesce a capire cosa ca...o ha questo ammasso di plastica.

Ci risentiamo dopo altri trenta minuti. Da Parigi hanno reinstallato tutto
il software del trappolone, ma, potenza della rete.., l'oramai leggendario
Ascend e' imperterrito nel rifiutare ogni connessione!

Gia' mi vedo la nordica Jolanda in completo sadomaso che vorrebbe
frustarlo in remoto, un ulteriore tentativo in qualche "porta segreta"
(??) e' infruttuoso e a questo punto sto quasi per chiederle un
appuntamento :-))

Arriva il giorno successivo... la situazione ha del disperato, il cliente
e' sull'orlo di una crisi, la sera dovrei partire per andare in ferie e la
Jolanda richiama! Al che, a mali estremi estremi rimedi, gli dico: fa quel
che vuoi del router! (intendevo di me, ma questi sono dettagli ;-)
Io sono qui, se parte parte altrimenti.. boh?

Ebbene, cari amici, non ci crederete, ma dopo quattro reinstallazioni del
software, sconnessioni brutali di corrente, ecc. ecc. alle 16 il router
riparti', facendoci andare in ferie tutti contenti :-))))))))))

Il giorno dopo, JFK bound, riflettevo....

Continuare a fare il tecnico? Ci sara' sempre una Jolanda in remoto piu'
brava. Ne serviranno sempre meno. Arrivera' il wireless e gli utenti
dovranno solo accendere la loro macchina e la rete si configurera'
automaticamente... e da li' (in realta' lo sapevo gia', ma bisognava pure
condirlo di aspetti drammatici) al ritorno dalla ferie.. nacque il super
esperto galattico di marketing..... ;-))))))))))))

E, ve lo dico sinceramente, mi sa che la decisione fu giusta.
Sandro

P.S. Volete sapere come ando' a finire? Pochi giorni dopo, mentre
controllavo la posta nella lunga notte newyorchese, trovai un messaggio:
"Chiamami".

Era il mio socio. Dei vandali s'erano introdotti in sede e avevano
sfasciato un po' di bussolotti, incluso il glorioso Ascend.

Misi giu' il telefono e pensai: "Alla fine.............. e' veramente
andata a frustarlo :-))))))".