Protezione del domino: attenzione!

Ciao a tutti,

vi racconto una mia piccola disavventura in modo che possiate evitarla.

Ho recentemente chiuso il blog che tenevo da New York e non ho rinnovato
la registrazione del dominio. Il giorno dopo la scadenza verifico che il
mio sito e' sempre online col vecchio contenuto e in piu' ha dei link
pornografici.

In pratica un "mezzo hacker" aveva registrato il nome del sito appena
scaduto, aveva preso il contenuto della copia cache di google e l'aveva
rimesso online inserendo dei link pornografici, nel tentativo di
approfittare del traffico generato dal sito.

Ho contattato questo furbone e minacciato una causa e la segnalazione del
fatto al suo provider. Nel giro di 10 minuti mi ha risposto e ha tolto i
materiali di mia proprieta' (ha lasciato quelli pornografici, ovviamente).
Sono stato fortunato: le minacce hanno sortito il loro effetto.

Il fatto e' che ho alcuni dubbi sull'effettiva possibilita' di reazione se
questa persona si fosse rifiutata di collaborare.

Parallelamente alla mia email a questo personaggio, infatti, avevo anche
contattato il suo provider chiedendo un'immediata reazione.

Questi ha replicato sostenendo di non essere responsabile del "copyright
infringement" da parte dei suoi clienti e sostenendo di non poter fare
nulla al riguardo. In pratica l'unica scelta sarebbe stata quella di
procedere per vie legali (causa internazionale...stati
extra-Cee...immaginate il pasticcio e i costi!).

Morale: meglio spendere 30 dollari all'anno per proteggere il proprio
dominio, anche se non lo si usa, piuttosto che andare incontro a
situazioni sgradevoli come questa!

Saluti alla lista!

Paolo Bonsignore
pbonsignore@hotmail.com