Quanto vale l'informazione (was gallina informata)

Saul wrote:

In particolare mi piacerebbe capire cosa si intende per "valore" di
un'informazione.

Elargisco il punto di vista di uno che campa di comunicazione (e come
tale, uno di cui non fidarsi): il "valore" dell'informazione è relativo,
ed in particolare è relativo a chi la riceve.

Se sto correndo a prendere il treno per Zurigo dove mi faranno una
operazione che mi salverà la vita, il numero del binario di partenza è una
informazione preziosissima. Se sto per addentare uno Speciale al Bar
Magenta la stessa informazione non vale nulla.

Dunque il "contesto" è quello che dà valore all'informazione - e il
contesto dipende da ciascuno di noi, e dalla situazione puntuale nella
quale ci troviamo.

Da questo assunto scende una rigorosa definizione di buoni contenuti, da
usarsi in alternativa alle scempiaggini sulla frequenza di rinfresco (non
è mica pesce, che basta che sia fresco che è buono): i buoni contenuti
sono tutti e solo quelli che il (ciascuno considerato individualmente)
visitatore trova interessanti.

Come a dire IMNHO, che un buon sistema di gestione contenuti non può
prescindere da un buon sistema di gestione di scenario: a chi gli
piacciono le ragazze formose con i capelli rossi non proporrò fotografie
di Gwyneth Paltrow.


                     Gianni Catalfamo, Partner
gcatalfamo@imagetime.it                     mobile: +39-335-284758
Brodeur ImageTime     (Milano, Roma, Genova)      http://www.imagetime.it
ImagetimeOne                 (Milano)          http://www.imagetimeone.it