Rivista qualificata... online?

Salve lavoratori :-)

Stavolta chiedo la cortese attenzione dell'audience per aiutarmi a
"svegliare" un neo-editore che vuole lanciare una rivista cartacea molto
mirata, sullo sviluppo culturale, naturalistico ed economico di una
regione del sud. Ditemi la vostra, cosi' gliela giro e visto che io gli
sono amica e non sempre degli amici ci si lascia guidare
professionalmente, sono certa che sara' piu' confortato dai pareri di
altri che sgobbano come me in comunicazione, grazie!

1) Il prodotto e' ben fatto, con testi di qualita' innegabile. Ho
consigliato di cambiare il titolo: ANNI NOVANTA mi pare obsoleto e
negativo per l'immaginario... (stiamo parlando soprattutto di sviluppo del
territorio). I '90 ce li siamo appena lasciati alle spalle e tutti,
specialmente al sud, stiamo faticando e guardando verso ulteriori
evoluzioni casomai, non "passi indietro" e nemmeno immagini evocative
degli stessi, agree?

2) Economicamente si vuole reggere con inserzionisti, sponsors privati e
blandi (ma sempre utili) contributi da enti pubblici. All'inizio (e
secondo me anche in seguito) sara' distribuito gratuitamente ad un numero
mirato di soggetti interessati a questi settori, sono molti in effetti ed
in questo territorio non e' presente alcun prodotto del genere. Pero' non
voglio soffermarmi su questi punti, al momento. Li ho inseriti per la
cronaca.

3) ONLINE: l'editore afferma di voler realizzare il supporto web dopo 1
anno dalla creazione e distribuzione della rivista... E qui arrivo io con
le unghie di fuori! Per me non e' assolutamente ammissibile, al giorno
d'oggi, lanciare un "prodotto per la comunicazione" che non sia supportato
da un sito. Ovviamente il sito e le sue attivita' dipendono dagli
obiettivi mktg della rivista e dalle risorse a disposizione, ma cio' non
toglie che almeno IL MINIMO di risorse debba essere reperito. Queste, le
mie argomentazioni:

a) Il sito serve per avere visibilita'; anche quella che apparentemente
non si paga, in effetti costa in quanto costano le competenze di chi deve
darsi da fare affinche' sia linkato, indicizzato... insomma, messo in
evidenza in generale da altri siti.

b) Il sito serve per il prestigio; certi sponsors di alto livello
noterebbero e non gradirebbero l'assenza di tale supporto.

c) Il sito serve perche' la rivista sara' trimestrale... Nel frattempo
(ovvero almeno a cadenza mensile), la vogliamo attivare una newsletter che
cominci a fidelizzare nonche' a testare i semplici lettori, i
sostenitori ed i clienti?

d) Il sito serve perche' l'editore ha gia' creato dei libri di buona
qualita' e li vuole vendere. Quale veicolo migliore, in mancanza di
risorse per un'adeguata distribuzione off-line?

Volevo essere sintetica, non superficiale in questa prima analisi. Ogni
altro sviluppo (ma anche idee contrarie, se ce ne saranno) sara' oltremodo
gradito.

Buon lavoro e saluti alla lista!

Alessandra
www.percheinternet.it
Strategie e Risorse per la Formazione e la Comunicazione