Sabotaggio in rete

Gentili MListers,

ziogiorgio.it e' nato come luogo di incontro per tutti coloro che in
Italia si interessano a prodotti e tecnologie per lo spettacolo. La
recente disponibilita' dello stesso in diverse lingue e l'aggiunta di un
motore di ricerca, news aggiornate ed altre funzioni ne hanno fatto il
sito di riferimento per gli addetti ai lavori in tutto il mondo.

Da un paio di giorni il sito non e' piu' accessibile e solo oggi nella
scarna homepage si parla di un attacco diretto esterno.

Puo' il successo di un sito, anche se in un settore di nicchia, dar
fastidio alla concorrenza a tal punto che il sito venga sabotato da
hackers (ingaggiati a tal proposito) e reso inutilizzabile per dei mesi ?

Esistono altri esempi nella rete e quali sono i metodi utilizzati per
questa forma di hyper-terrorismo?

Giuseppe (Pino) Tinti