Se on line costa di più, non funziona.

Inoltro una Mail che ho appena spedito alle Poste Italiane.

So che su questo punto si è già acceso un dibattito sulla lista ma credo
che se non ci sarà una presa di coscienza molto netta sull'argomento,
rimarremo il fanalino di coda europeo nello sviluppo di servizi su
Internet.

Pensate che nei negozi sia possibile vendere ad un costo maggiorato a chi
compra con la carta di credito ?

Se mi rispondete che questo è un servizio dove non c'è margine, vi chiedo:
non è possibile utilizzare pagamenti diversi come i bonifici bancari ?

Alla considerazione che on line vuol dire predisporre un sw ed una
organizzazione ad hoc, chiedo: quando si apre un negozio nuovo prima di
acquire la clientela e di andare a regime, il negoziante applica prezzi
più alti per ammortizzare i costi di struttura ?

Allego comunicazione alle poste:

"Ho molto apprezzato il servizio di pagamento on line dell'ICI.
Ma non capisco perchè sono così esose le commissioni (7,68 euro).
Perchè si deve pagare tanto di più un servizio che fa risparmiare anche le
poste (minori file, minor impiego di personale).
Capisco i costi della carta di credito, ma è un freno discriminante
all'accesso al servizio.
On line non può essere più costoso.
Passate allora al bonifico bancario.
Sperando che questo sia utile allo sviluppo di servizi on line di cui c'è
tanto bisogno."

Cordiali saluti
Gianluca Gheriglio