Solo 400 milioni per la WI-MAX l'Italia

Si è parlato nei thread scorsi di "grandi opere" (virtuali), come il mega
portale portale turistico italiano, di cui si
è vagheggiata una spesa di 45 milioni di euro, per altre fonti addirittura
120.

Ora c'è, tra le pieghe di un articolo di Punto Informatico del 25 novembre
2005 dedicato al Wi-Max (tecnologia di connessione via radio)
http://punto-informatico.it/p. asp?i=56467&r=PI
una mirabolante notizia: secondo Siemens, che sta facendo delle
sperimentazioni con questa tecnologia, basterebbero appena *400 milioni di
euro per coprire col segnale WI-MAX tutta l'Italia!*

Con sole 3500 antenne si supererebbe in un sol colpo
ogni problema di "digital divide", che in Italia come sappiamo è
particolarmente grave.

Non sarebbe questa una *vera grande opera", in grado di sviluppare un
indotto grandioso in tutto il paese?

Lo Stato, per incentivare la televisione (privata) sul famigerato
"digitale terrestre" dei soliti noti, ha già
speso tra il 2004 e il 2005 circa 230 milioni di finanziamento pubblico
(decoder con lo sconto eccetera), e intende probabilmente spenderne
altrettanti nei prossimi anni.

La domanda è: l'Italia dei furbetti del quartierino perderà anche questo
treno per proteggere il monopolio via cavo di Telecom Italia? :)