Spam e privacy, chiarimenti

Ho letto, come credo molti di voi, le recenti dichiarazioni del garante in
materia di privacy e spamming.

Fatemi capire meglio: da che mondo è mondo le aziende si contattano
reciprocamente per proporsi prodotti e servizi.

Stando ad alcune interpretazioni, sembrerebbe che da oggi non sia più
possibile
contattare via email un'altra azienda per proporre i propri servizi se
prima non si è mandata un'altra email per chiedere il permesso di farlo. Parlo naturalmente di comunicazioni mirate e singole, non di invii indistinti ed
allargati.

Tra l'altro, mi sorge un'altro dubbio: come faccio a chiedere il permesso
di mandare una email informativa su un prodotto senza accennare al tipo di
prodotto che andrò a presentare? Se lo faccio incorro nel rischio di
essere citato?

Daniele Contini