Spot TIM Valentino Rossi e pubblicità ad episodi

Sono d'accordo sulla banalità dello spot e sull'interpretazione di De
Sica, sia in questo che nei precedenti episodi (bagno nella fontana e
party sulla spiaggia).

Forse proprio per questo è stato introdotto il mai banale (dal punto di
vista della percezione del pubblico) Valentino Rossi, il quale ha
raggiunto una popolarità tale ed esprime una simpatia così condivisa a
tutti i livelli che farebbe audience anche se parlasse del sistema
riproduttivo delle falene.

Non considero una caduta di stile la battuta sul rivale sportivo: proprio
per la simpatia che da anni suscita in (quasi) tutti gli appassionati e
non, si può ormai permettere qualsiasi uscita.

Non dimentichiamo che è per merito suo se anche le mogli e le fidanzate
adesso disquisiscono di gomme dure, morbide o intermedie, assetto, guida
sul bagnato e staccate al limite.

Un po' quello che succedeva con lo sci fino a quano c'era Tomba. Chi guarda
più la coppa del mondo di slalom, oggi, se non i veri appassionati?

Quello
che vorrei far notare invece, è una sorta di ritorno alla pubblicità ad
episodi, stile Carosello, che si sta notando ultimamente: da TIM a WIND
(Aldo+Giovanni+Giacomo) a Lavazza (Bonolis+Laurenti): nostalgia
dell'antico o forma d'arte riscoperta?

Forse tentativo di una sorta di
fidelizzazione del cliente tramite continui richiami che si rincorrono a
livello di significato.

Mi sembra comunque che siano tutti interpretati da
attori famosi o personaggi conosciuti.