Stupito dai motori?... no, entusiasta ;-)

Ciao Angelo, scrivevi....

mi sento un po' ingenuo,  quasi tradito, e dico: 'Tutto qui?'

No, anzi, e' molto di piu' ;-)

Le tecniche di posizionamento sono moltissime e variano per ciascun
motore. Dubito che la pagina web prima su Google
con la parola "olio" avesse raggiunto quel risultato per
pura coincidenza o per una semplice riga di codice (anche
se con parole chiave in italiano a volte accade).

E non e' neanche vero come diceva Saul che il ranking sui
motori cambia cosi' velocemente. Puo' succedere a volte
che il motore (di solito Altavista e Google) cambi temporaneamente
l'ordine di rilevanza. Ma lo fa piu' con
lo scopo di confondere le idee a chi fa posizionamento
che con il reale obbiettivo di stravolgere l'intero indice.

Pensa che da oltre un anno abbiamo posizionato un nostro
corso on-line nei primi posti di Google, Altavista, Excite, Lycos,
Virgilio, Supereva e Inwind sia con la parola chiave "marketing" che "web
marketing" (con le ricerche in lingua italiana) e da allora la posizione
non e' mai piu' cambiata
(al massimo e' passata dal 7-8° posto al 1° o 2° posto).

E le parole su cui abbiamo lavorato ("marketing" e "web marketing") erano
molto piu' difficili e competitive della parola "olio".

Non e' stata un'operazione facile (ha richiesto piu' di 6 mesi
di lavoro), ma puoi stare tranquillo che con le giuste tecniche
e il dovuto impegno si possono raggiungere ottimi risultati e
mantenerli costanti nel tempo.

Quindi non disperare e, prima di cominciare l'attivita' di posizionamento
con una parola chiave troppo generica e competitiva (es. olio) parti con
una frase/combinazione di 2 o piu' parole chiave di cui almeno deve
essere abbastanza specifica (es. "olio extravergine" oppure "olio di
mais", ecc.).

Un cordiale saluto
Enrico Madrigrano

* Madri Internet Marketing - http://www.madri.com *