Stupito dai motori

Un saluto a tutta lista, per me spesso punto di partenza di percorsi nuovi
e interessanti, per la mia curiosità, e per il mio lavoro.

Sto iniziando ultimamente la strada alla scoperta dei motori di ricerca,
per diradare i misteri della 'submission'.

Provo il metodo di ricerca più tradizionale ed empirico che conosco:
studio le pagine ottenute come risposta a mie specifiche ricerche. Mi
dico: 'vediamo che cibo preferiscono questi famosi spider'.

Provo 'olio d'oliva' (non è casuale, è una realtà del mio territorio): sia
Google che Altavista offrono come prima risposta il piccolo e normale
sito di una piccola azienda, non i più importanti (e linkati) di grandi
aziende (vedi Olio Carli). Ci vuole un secondo per scoprire che uno dei
tre frame della home page nasconde righe di keywords (complimenti, non
sono neppure dello stesso colore dello sfondo, visto che leggende
narravano che alcuni motori erano in grado di smascherarle). Io, che in
preda alla mia sensazione di inferiorità (informativa), leggevo di
seminari sui motori con interesse e invidia (per chi poteva andarci), ora
mi sento un po' ingenuo, quasi tradito, e dico: 'Tutto qui?'

Angelo Bottini
Digitaleyes s.r.l.