TicketOne... no customer satisfaction

Un esempio di rigidità nei rapporti con la clientela che allontana la
medesima dal brand cui si era rivolta.

Ho acquistato due biglietti per un concerto che si terrà a Roma nel mese
di giugno e - per risparmiare tempo ma anche per deformazione
professionale - ho scelto di utilizzare il sito TicketOne per la
transazione.

Tutto bene, fino a quando - mea culpa - decido di leggere meglio cosa vuol
dire ritirare i biglietti al botteghino: il ritiro è possibile solo un'ora
prima dell'inizio del concerto, mentre l'ingresso alla struttura è
consentito ben 5 ore prima.

A questo punto decido che vale la pena aggiungere qualche euro al costo
del biglietto e usufruire del corriere espresso per averli prima in mano
ed accedere quando voglio alla struttura, che siano due o cinque ore.

Conscio del mio errore nel non aver letto con la dovuta attenzione le
condizioni d'acquisto, scrivo al customer care di TicketOne chiedendo se,
dietro pagamento anticipato della differenza, posso modificare la SOLA
modalità di consegna dei biglietti. Non chiedo un diverso settore, un
altro biglietto o la rinuncia al medesimo; chiedo solo la spedizione del
titolo.

Il tempo ci dovrebbe essere: mancano ben due mesi all'evento.

Qual'è la risposta di TicketOne? Che ho accettato le norme e che queste
prevedono transazioni definitive e non modificabili, con tanto di
citazione dell'articolo contrattuale e della legge che non prevede diritto
di recesso per questo tipo di transazioni. Recesso? Ma io non voglio
recedere! Voglio solo che tale biglietto sia consegnato al corriere
piuttosto che al botteghino. Pago. Pago anche il doppio se c'è una penale,
no problem. Non si può invece. Le regole sono regole...

Compare - post - come per magia sul sito anche il seguente avviso:

"Informiamo tutti coloro che hanno effettuato degli acquisti on line o
tramite call center, che NON E' POSSIBILE VARIARE LE MODALITA' DI
RITIRO/SPEDIZIONE."

Ho capito, ho sbagliato. Ma ci vuole tanto ad accontentare un cliente che
chiede solo una variazione minima del suo ordine? Io non penso. Io penso
che sia un pessimo esempio di relazione azienda-cliente. Penso sia il modo
migliore per chiudere futuri rapporti e farsi una pessima pubblicità.

Fermo restando il mio errore (o meglio la mia leggerezza). Voi cosa ne
pensate?

Marco Briotti
Business Development Manager

ECHO 3 ::: IT & Creative Solutions
:: Via Marcello II, 22 - 00165 Roma
:: tel: +39 06 39671254
:: fax: +39 06 23317766
:: http://www.echo3.it