Video on demand

Salve a tutti,

sono Aldo Loprete responsabile marketing di un gruppo di comunicazione
integrata di Bari nonché "listarolo" della prima ora.

Vengo subito al dunque: il responsabile del settore multimediale del
nostro gruppo mi chiede di verificare il potenziale business intorno alla
tecnologia del video on demand che, in poche parole, consente di
ottimizzare la fruizione dei filmati in rete eliminando i lunghi tempi di
attesa legati ai download.

Ho fatto una piccola indagine e queste sono le mie conclusioni:

Sicuramente la rete rappresenterà il media più usato in futuro per gli
scopi più disparati (B2C, B2B, Domotica e altro che non riesco ad
immaginare) Quasi sicuramente nei prossimi due anni le attuali tecnologie
saranno superate

Il business on line, in particolare legato ai filmati, è poco
significativo.

Le realtà che esistono appartengono a grandi gruppi multimediali che
investono non perchè c'è il business ma per motivi di R&S o per motivi
"politici" nel senso di dare segnali al mercato o alle banche o ai
concorrenti.

Dato l'attuale panorama, una piccola azienda può pensare di investire
tempo e denaro in tecnologie legate ai filmati solo se alle spalle ha un
ente che ha commissionato il lavoro (vedi Regione per musei o
valorizzazione turistica dei luoghi significativi)

Cosa ne pensate?