Web ministeri e interattività

Cari MLISTers!

Cosa pensate dell'approccio al web dei Ministeri e dei partiti politici?
Si parla molto di interattività ed in effetti anche la comunicazione
politica cerca di adeguarsi alle esigenze del proprio target. Anche se
il COMPA è a settembre lo spunto mi è dato in questi giorni dalla
plurirecensita ricerca dell'Università di Trieste coordinata da
Francesco Pira (docente di t.e t. di com. pubblica e di massa) che ha
analizzato i siti di vari Ministeri e del Governo ma anche dei "nostri"
partiti.

Questo il quadro: da rivedere su tutti i fronti il web del Ministero
dell’ Interno. Particolarmente attento alla comunicazione interattiva il
Ministero della Sanità, il sito offre all’utente diverse occasioni per
instaurare con l’istituzione un rapporto bidirezionale. Anche quest’anno
invece il sito del Governo si riconferma uno fra i migliori del settore
pubblico. In questi ultimi due anni è cresciuto e si è rinnovato
proponendosi al cittadino come un vero e proprio portale dedicato al
mondo politico in generale.

Buono anche il sito della Camera dei Deputati; arricchitosi nei
contenuti è oggi disponibile in ben sei lingue diverse (anche in arabo)
e nella versione dedicata agli utenti portatori di handicap.

La ricerca come ho detto ha preso in esame anche la presenza sul web dei
maggiori partiti italiani.
Leggendo le dichirazioni di Pira emerge che i partiti stanno finalmente
mettendo a punto una comunicazione centrata sul nuovo media internet, ma
rimane ancora molto da fare per avvicinare gli elettori in Rete,
trasformando i siti da vetrine a piazze virtuali di dibattito.

Ma all'estero le cose vanno meglio?
Saluti a tutti

Stefano Mosetti
Presidente AISCOM

********************************************
Associazione Italiana Sviluppo Scienze della Comunicazione
c/o Stefano Mosetti - Via Padovan 6/1 - 34138 Trieste
Tel: 0329/6662937 - Fax: 040/771788 - www.aiscom.it
********************************************