Zivago e altri - Shopping Experience

Cara Lista,

intervengo in ritardo sull'argomento, ma Zivago è solo il pretesto.
La mia esperienza personale con questa libreria online non è
particolarmente positiva, ma accanirsi in questo momento è brutto.

Segnalo una delle carenze principali nel rapporto con il cliente:
NON ESISTE UN NUMERO VERDE ma solo una casella e-mail.

Quindi la differenza con la libreria fisica è che, in caso di problemi non
posso entrare nel negozio, parlare con una gentile signora e
possibilmente avere subito una risposta, ma posso solo mettergli un
messaggio sotto la porta e attendere, con calma, la soluzione.

Se si parla di umanizzare la shopping experience digitale, mi sembra una
mancanza enorme.

Zivago non è l'unico ad avere questa carenza e a non fare nulla per
colmarla, lo seguono buoni emuli altri siti che si rifiutano d'investire
in un call center, per quanto piccolo.

Credo che un business plan per un sito web che abbia come obiettivo di
vendere qualcosa a delle persone, senza prevedere l'assistenza di una voce
umana, o del suo emulo più vicino rappresentato dalla chat (si veda
l'esempio di http://www.blinky.it/ con il commesso virtuale), parta già
con una gamba zoppa.

Posso poi concludere dicendo che attendo, da Bol.com, dei libri da 10 gg.
Mi hanno informato oggi, via mail, nemmeno loro hanno un telefono, (!) di
attendere ancora altri 13 gg (totale 23) prima di richiedere una nuova
spedizione...

Ciao a tutti.

Sergio Di Bartolomeo